Barella, il futuro si chiama Inter. Il Cagliari spara alto, ma con Marotta si può chiudere

Barella, il futuro si chiama Inter. Il Cagliari spara alto, ma con Marotta si può chiudere

Il ds dell’Inter Ausilio lo segue dalla scorsa estate, ora i nerazzurri possono accelerare

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Tra i prospetti più interessante del calcio italiano c’è sicuramente Nicolò Barella. Il centrocampista del Cagliari in questa stagione ha avuto un’impennata di rendimento e sta facendo vedere le sue enormi doti anche con la maglia della Nazionale. Il ds dell’Inter Piero Ausilio è in pressing su Barella da luglio e con l’arrivo di Marotta, l’Inter piazzerà il carico da undici per cercare di chiudere. Non è un mistero che l’Inter straveda per lui e che è uno degli obiettivi principali per il mercato estivo.
“Nicolò Barella è considerato il Nainggolan italiano. E non soltanto per una banale coincidenza: il suo agente – Alessandro Beltrami – è lo stesso del Ninja. C’è una data, gennaio 2016, fondamentale per il suo decollo: prestito a Como in serie B, esperienza proficua, tanti complimenti e la consapevolezza di essere pronto per il salto in alto. Quanto valeva allora? Cinque o sei milioni, poi siamo saliti ancora. Quanto vale oggi? Giulini dice non meno di 50 e fa bene a tirare la corda. Semplicemente perché la crescita è stata enorme, negli ultimi mesi il decollo a livello di personalità. Con Barella dalla tua parte sai di avere il centrocampista moderno, eccellente in entrambi le fasi. Il suo futuro è ben impostato: si chiama Inter. L’avvento di Marotta non farà altro che rafforzare l’interesse, poi scemato, esistente ai tempi della Juve. Ora da Torino sono tornati a seguirlo e apprezzarlo, ma l’Inter è in pista dalla scorsa estate. Ovviamente non trascuriamo i club stranieri, dal Liverpool all’Atletico, ma questo è un discorso utile per alimentare la felicità di Giulini. Asta, con sfondo Inter”, si legge sul Corriere dello Sport.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy