Facchetti Jr: “Inter, Steven Zhang non è lì per caso. Skriniar? Ha tutto per essere capitano”

Facchetti Jr: “Inter, Steven Zhang non è lì per caso. Skriniar? Ha tutto per essere capitano”

Così il figlio di Giacinto Facchetti ai microfoni di RMC Sport

di Daniele Vitiello, @DanViti

Gianfelice Facchetti, intervenuto ai microfoni di RMC Sport, ha parlato del momento dell’Inter, partendo da un commento sulle parole di Luciano Spalletti dopo il match con il Napoli: “L’allenatore a fine partita ha puntato su quello che ancora si deve vedere, piuttosto che su quello che si è già visto, ed è stato un modo per dire di non sedersi perché in qualche modo questo 0-0 somiglia a quello con la Juventus, anche se la squadra è stata più dinamica. Credo che il richiamo alla qualità fosse un modo per dire “non torniamo indietro, proviamo a fare qualcosa in più. Mi auguro che fosse un modo per spronare la squadra, perché di questo ha bisogno la squadra. Il Milan ha recuperato punti, la Lazio è davanti anche se noi abbiamo una partita in meno, tutto è da decidere e da giocare, la squadra non ha mollato e credo che Spalletti domenica non abbia scoperto nulla di nuovo. Io domenica sera ho visto che le difficoltà che c’erano nel costruire per qualche giocatore potevano essere dettate dal timore, dalla paura e non da incapacità tecnica. E’ una squadra che qualche limite ce l’ha e si nasconde davanti alle responsabilità da prendersi, ha un po’ il braccino del tennista”.

PROPRIETA’ – Ho incontrato Steven Zhang qualche volta, mi metto nei suoi panni e ho la percezione di uno che guarda con molta curiosità ed ammirazione a quello che ha tra le mani, con  molta voglia di imparare e grande rispetto nei confronti dei campioni che si trova di fronte. Si è calato in questa cosa, sappiamo però che ci sono tanti elementi che si aggiungono a questo come un padre che avrà sicuramente un’incidenza maggiore e un momento storico particolare, ci sono aspetti storici e culturali con cui fare i conti, ma non credo sia messo lì per caso.

QUARTO POSTO – “Temo l’Inter più che il Milan. I rossoneri hanno fatto un percorso notevole fino a questa parte, ma i nerazzurri di domenica sera sicuramente non perdono il derby. Vorrei vedere un passettino in avanti, occupandoci di chi è davanti e non di chi segue. La Lazio è stata sicuramente penalizzata dal VAR in questa stagione”.

PERISIC – “L’altra sera mi sembrava stesse un po’ meglio fisicamente, ma con la palla è stato magari poco preciso. Spesso e volentieri i calciatori dell’ex Jugoslavia hanno questa vulnerabilità e queste intermittenze, ma sono convinto che a fine campionato tornerà ad essere quello che conosciamo, magari già da domenica”.

SKRINIAR – “C’erano amici di Genova che me ne parlavano molto bene ed è stato un investimento ben fatto, un calciatore monumentale, al di là della capacità di risolvere le situazioni. Mi emoziona nel modo di muoversi, è uno che dà fiducia. Lui capitano? In questo momento non avrebbe senso, ma sicuramente è uno dei leader di questa squadra, è il leader principale dell’Inter di questa stagione. E’ riuscito a tener botta anche nei momenti difficili, avrebbe tutto per essere capitano”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy

// inizio configurazione per fcInter // fine configurazione per fcInter