Godin: “Atletico? Tutto ha una fine. Ora voglio un gruppo dove competere ed essere leader”

Godin: “Atletico? Tutto ha una fine. Ora voglio un gruppo dove competere ed essere leader”

Le sensazioni dell’uruguaiano sull’inizio dell’esperienza all’Inter

di Marco Macca, @macca_marco

Tra la fine di un ciclo indimenticabile e i progetti per la nuova esperienza. Diego Godin, in una lunga intervista al Club de Deportista, ha raccontato le sue sensazioni per la fine dell’avventura incredibile all’Atletico Madrid, illustrando anche i suoi progetti per l’inizio dell’esperienza all’Inter, che lo attende a braccia aperte:

NUOVA ESPERIENZA – “Voglio continuare a competere e andare in un nuovo gruppo dove poter portare esperienza e dare il massimo. Voglio cercare di essere un buon leader e un esempio e farmi rispettare per come sono. Qui in Spagna mi sono sempre sentito a casa. Principalmente per le amicizie che ho, per la lingua e la cultura. Dentro e fuori dal campo la gente con cui ho fatto amicizia mi ha dato stabilità e serenità nella vita personale, un aspetto che mi ha reso felice. Il calcio è come la vita, uno stato d’animo. Se sei felice e ti realizzi, è difficile che ti vada male. E a me è successo questo“.

ADDIO ALL’ATLETICO – “Tutto ha una fine e questa è la fine per me all’Atletico. Ma i miei sentimenti resteranno sempre qui. E’ stato gratificante ricevere un riconoscimento tanto grande da parte di compagni, rivali e tifosi. Un motivo di orgoglio. Questa squadra ha molti meriti“.

SIMEONE – “Nessuno si immagina un Atletico Madrid senza di lui. Oggi questo club è tra i primi 4-5 d’Europa. La gente vede l’eliminazione contro la Juve come un disastro, ci siamo abituati a vincere e competere contro Real Madrid, Barcellona o Bayern. Ora l’Atletico è una squadra in cui ogni giocatore vuole venire“.

(Fonte: clubdeldeportista.com)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy