Inter, arriva il primo sì. C’è l’intesa con Skriniar: rinnovo fino al 2023. Guadagnerà…

Inter, arriva il primo sì. C’è l’intesa con Skriniar: rinnovo fino al 2023. Guadagnerà…

Il difensore dell’Inter pronto a firmare il contratto che prolungherà il suo vincolo coi nerazzurri

di Andrea Della Sala, @dellas8427
L’Inter sta per chiudere una delle trattative per il rinnovo di una della sue colonne. Il club nerazzurro ha trovato l’accordo con Milan Skriniar per il prolungamento del contratto del difensore. Una trattativa lunga, ma che finalmente porterà alla fumata bianca e all’accordo fino al 2023. Mancano ancora alcuni dettagli da sistemare (i bonus e le commissioni per l’agente Karol Csonto), ma il nuovo accordo che legherà il numero 37 al club di corso Vittorio Emanuele va ormai considerato cosa fatta. Se basterà per toglierlo dal mercato lo vedremo la prossima estate perché le grandi d’Europa lo seguono e magari il Barcellona potrebbe essere interessato a lui nel caso in cui Marotta e Ausilio sferrino un assalto al croato Rakitic. Intanto però l’Inter si sente decisamente più tranquilla e pure il giocatore è felice”, si legge sul Corriere dello Sport.
“Le parti hanno raggiunto l’intesa per un prolungamento di un anno ovvero fino al 2023 con adeguamento immediato dello stipendio: passerà dagli attuali 1,7 milioni a stagione a 3 milioni più bonus. Un modo se non per pareggiare quanto meno per avvicinare le offerte che aveva ricevuto la scorsa estate quando a lui si erano interessati soprattutto lo United e il Barcellona. La sensazione è che in caso di trasferimento tra qualche mese in una grande europea Skrniar potrebbe strappare uno stipendio ancora maggiore, ma intanto lui sta bene così. E l’Inter, che ha già preso pure Godin, si è garantita una posizione ancora più forte perché il nuovo accordo non prevede una clausola rescissoria. Il club non la voleva assolutamente e il ragazzo non ha premuto per ottenerla”, riporta il quotidiano.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy