Inter, quanto vali senza Icardi? Ecco la verità di 23 partite: Spalletti al bivio decisivo

Inter, quanto vali senza Icardi? Ecco la verità di 23 partite: Spalletti al bivio decisivo

Contro la Fiorentina i nerazzurri dovranno dimostrare di poter realmente fare a meno del bomber argentino

di fcinter 1908

Quanto vale l’Inter senza Icardi? La risposta è lì a un passo, visto che siamo ormai vicinissimi alla prova del nove. Tolta la fascia all’argentino e consegnata ad Handanovic, i nerazzurri hanno inanellato una serie di vittorie e prestazioni convincenti, affrontate da gruppo coeso, come in occasione della sfida di ieri sera contro il Rapid Vienna, agevolmente superato con il risultato netto di 4-0. Questione di feeling, si potrebbe dire, perché l’Inter scesa in campo nelle ultime tre partite senza Icardi si è voluta bene, ma tolta la buona vittoria casalinga contro la Samp, è importante sottolineare come il doppio impegno contro gli austriaci non sia stato un banco di prova particolarmente impegnativo e adesso c’è la Fiorentina. 

NUMERI ALLA MANO – Le statistiche dicono che l’Inter sa vincere anche senza Icardi, al di là di quelle che sono state le ultime tre partite. Dal 2015-2016, infatti, privi  del bomber argentino, i nerazzurri hanno vinto 19 partite su 23, le rimanenti 4 sono state due pareggi (Inter-Crotone 1-1; Roma-Inter 1-1) e due sconfitte (Genoa-Inter 2-0; Sassuolo-Inter 3-1). Un dato confortante, che però non serve ad alleggerire le preoccupazioni in vista della trasferta di Firenze, campo storicamente avverso all’Inter. Ecco perché quella di domenica sera sa di gara della verità, sotto diversi punti di vista. Lo è per il gruppo e per alcuni singoli, ma lo è anche per Spalletti, che potrà finalmente avere tra le mani un metro preciso sui reali progressi della sua squadra dopo le ultime complesse settimane.

70ae0681-d88e-4cdf-b90d-c3153de9c169

UN MESSAGGIO PER ICARDI – In una sola notte l’Inter rischia di capire molte cose, risposte che ovviamente arriveranno più da quello che sarà l’atteggiamento che dal risultato in sé, che rimane importantissimo visto che Roma e Milan fanno nuovamente sentire il loro fiato sul collo. Per Lautaro è l’occasione giusta per scrollarsi di dosso quell’etichetta di vice Icardi, che proprio non gli piace. Perisic, invece, vuole confermare l’ottimo momento di forma, coinciso con l’esclusione di Icardi. La società vuole mandare un altro messaggio forte a Icardi, dopo la revoca della fascia e il comunicato sulle condizioni fisiche, per questo motivo una vittoria a Firenze porrebbe la dirigenza in una posizione ancora più comoda.

IL BIVIO – La sfida è di quelle che rischiano di essere decisive per lo sviluppo dell’intera stagione, perché a breve ci sarà il derby e arrivarci con un buon margine sarebbe importante, visto che nella settimana della stracittadina l’Inter si giocherà anche il passaggio ai quarti d’Europa League contro l’Eintracht. Tutti sono chiamati a dare un po’ di più per legittimare la forza di un gruppo che l’ha avuta vinta su un singolo, come normale che sia. La sfida di Firenze ha un peso diverso rispetto a quelle presentatesi finora e ad Appiano Gentile lo hanno intuito tutti. Perché se l’Inter vincerà al Franchi senza Icardi, si avvierà verso un nuovo e virtuoso ciclo, se invece le cose dovessero andare storte, allora il peso dell’assenza di Icardi tornerebbe a gravare sulle spalle di tutti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy