Rinnovo Icardi, ora si fa dura. Scende in campo Marotta, ma Wanda chiede 9 milioni

Rinnovo Icardi, ora si fa dura. Scende in campo Marotta, ma Wanda chiede 9 milioni

L’agente di Icardi chiede ancora di più mentre l’Inter ha offerto 7 milioni

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Clima molto acceso in casa Inter per il caso Icardi. Il bomber argentino è arrivato con un giorno di ritardo alla ripresa degli allenamenti e il club nerazzurro lo ha multato con 100mila euro di multa. A tenere banco è anche la questione rinnovo;il giorno X sarà all’inizio della prossima settimana, Inter e Wanda Nara si incontreranno e il nuovo ad Marotta vuole capire se l’agente e moglie di Icardi sta bluffando oppure no e sarà convocata nella sede di corso Vittorio Emanuele.

“Sul tavolo ballano tanti milioni. E un contratto per il capitano che l’Inter è pronta ad allungare al 2023 con un ritocco dello stipendio a 7 milioni. Oggi Mauro è legato ai nerazzurri sino al 2021 e ha un ingaggio di 4,5 milioni netti più bonus (che hanno fatto lievitare l’ultimo stipendio a 5,3 milioni). Il club, che già prima dell’arrivo di Marotta a metà dicembre ha sempre detto «Icardi è il nostro capitano, lo vogliamo, ma non c’è fretta», adesso ha voglia di arrivare al dunque. Limando le distanze e provando ad arrivare alla fumata bianca in un tempo ragionevole per poi dedicarsi alle trattative per il mercato che verrà. Certo, l’Inter tutta – con in testa Marotta e il presidente Steven Zhang, di ritorno dalla Cina in queste ore – avrebbe preferito lavorare a fari spenti, ma le sparate di Wanda hanno cambiato i piani. E adesso il finale è diventato un rebus”, si legge su La Gazzetta dello Sport.

L’Inter si sente forte, anche perché in estate nessun top club si è presentato per Icardi e il club nerazzurro ha presentato un’offerta da 6 milioni al giocatori, ma Wanda on è mai voluta scendere sotto gli 8, chiedendo un trattamento come quello di Higuain. “La volontà di chiudere l’accordo ha comunque spinto l’Inter ad alzare ulteriormente l’asticella: la società è pronta ad offrire all’attaccante argentino 7 milioni all’anno bonus compresi, togliendo però la clausola rescissoria da 110 milioni di euro per i club esteri. Ieri le parole di Wanda sul rinnovo non hanno solo confermato lo stallo della situazione ma hanno addirittura portato a una frenata sul buon esito della trattativa. Da un lato sembra che il discorso clausola non sia più così importante sulla sponda Icardi (e quindi potrebbe non esserci una monetizzazione da parte di Mauro), ma dall’altra c’è Wanda che sedendosi al tavolo con Marotta potrebbe chiedere ancora di più rispetto ai mesi scorsi. Arrivando a 9 milioni di stipendio a stagione. Una cifra molto alta, che difficilmente avrebbe il sì dell’Inter”, riporta il quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy