Giovedì 24 Luglio 2014      
 
 
  EDITORIALE

La Mala Educaciòn

07.04.2012 02:40 di Sabine Bertagna articolo letto 2604 volte
Fonte: FCINTER1908.IT

Se cercate una condanna esemplare venite a sbirciare in casa nostra. Ne abbiamo una per ogni occasione. Le famose tre giornate comminate a Samuel aprirono, per esempio, l'era della prova televisiva. L'allora giudice Maurizio Laudi aveva sottolineato «l'odiosità del gesto, che esprime(va) una inaccettabile forma di disprezzo nei confronti di un avversario». L'inaccettabile forma di disprezzo era uno sputo che avrebbe mirato alla schiena di Nedved. Walter dichiarerà in seguito di avere semplicemente sputato per terra. Dichiarazione che le stesse immagini non sono mai state ingrado di contraddire.
Di squalifiche, multe e ammende ce ne sono state a bizzeffe. Alcune giuste, altre meno comprensibili. Soprattutto se iniziavi a sbirciare l'erba del vicino e ti rendevi conto che per la stessa infrazione lo stesso giudice aveva fatto spallucce. Per aver mandato l'arbitro a quel paese, per esempio, si possono ricevere due giornate di squalifica o una semplice ammenda pecunaria. Dipende. Da che cosa? Beh, adesso chiedete troppo.

Educare. Sembra essere quella, la parolina magica che si nasconde dietro alle punizioni del giudice sportivo. Fare in modo che il calciatore si renda conto di essere stato scorretto e in futuro si ravveda. Mah. Il dubbio rimane. Con i cori razzisti all'indirizzo di Balotelli si era arrivati ad una situazione insostenibile. Ma nessuno aveva mai trovato il coraggio (quello vero) per girare la schiena a quei cori odiosi (spesso puniti con un minimo sindacabile giusto per) e dare l'esempio. Già, l'esempio.
A chi dovrebbero ispirarsi secondo voi i giovani calciatori di oggi? A quei campioni abituati ad accerchiare l'arbitro per intimidirlo, a quelli che si rotolano per terra sbirciando da lontano l'agognato cartellino all'indirizzo dell'avversario o a quelli che passano direttamente a efficaci mosse di kick-boxing? Il problema nasce dal regolamento, che spesso invece che essere semplicemente applicato è soggetto a strane interpretazioni. Sballa l'unità di misura, sballa ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Pensiamo a Simone Pecorini, giovanissimo della Primavera nerazzurra Campione d'Europa, che in finale ha commesso l'ingenuità di cercare un confronto verbale con l'arbitro. Sottolineiamo verbale perché nei video esaminati dell'aggressione ventilata dai referti e sanzionata dal giudice Tosel con 9 mesi di squalifica (avete letto bene, 9 mesi) non sembra esserci traccia. Il punto è molto semplice. Esiste un modo per provare questa aggressione? Perché se le prove non ci sono vogliamo capire con quale animo dovremmo accettare una squalifica lunga una stagione intera. E poi, parliamoci chiaro, lo vogliamo educare il ragazzo o stiamo cercando un modo per distruggerlo? Se davvero non esiste un modo per accertare con sicurezza un fatto dal quale potrebbe dipendere una giovanissima carriera, beh allora, avere un giudice serve ben poco. Ad applicare una giustizia sommaria siamo bravissimi anche da soli.

Twitter @SBertagna


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie
VI PIACE LA NUOVA PRIMA MAGLIA DELL'INTER?
  
  

L’anno zero – citato allo stremo da Walter Mazzarri – è terminato in occasione dell’ultima gara dello scorso campionato. Riparte la nuova Inter, quella della programmazione e delle idee chiare, del risparmio, ma non a scapito della qualità. A...
Ha fatto centro, Piero Ausilio, nell’incontro andato in scena ieri con i dirigenti del Cardiff. Le parti dopo un lungo summit si sono decisamente avvicinate e oggi, secondo la Gazzetta dello Sport, si può chiudere l’affare Medel. Il centrocampista cileno...

MAZZARRI DICE SÌ: ASPETTA ANCHE FINE AGOSTO MA VUOLE PUNTA TOP. L'ALTRA ARRIVA SE...

Dopo avere messo a segno il colpo Medel, che si aggiunge agli arrivi di Vidic, Dodò e M’Vila, ora per Piero Ausilio ha il compito di completare la campagna di rafforzamento con l’acquisto di una/due punte, di cui una, possibilmente, dovrebbe essere un top...

ESCLUSIVA AG.PATO: "INTER? ORA NON È PISTA REALE. RESTA AL S.PAOLO, I NERAZZURRI..."

Da qualche settimana si parla di un clamoroso ritorno in Italia di Alexandre Pato. Il brasiliano e il suo enourage avrebbero manifestato la volontá di tornare in Europa e si sarebbero offerti a club di Serie A, tra i quali l'Inter. Per trovare conferme,...

DS SAMP: "INTER SU MUSTAFI? NON SO NULLA. SU PATO E OSVALDO..."

Intercettato telefonicamente da SportItalia, il direttore sportivo della Sampdoria, Carlo Osti, ha risposto così alla domanda relativa a un possibile trasferimento di Mustafi all'Inter: "Dei nerazzurri non so nulla. Noi su Pato e Osvaldo? Il presidente ha...

VIDEO - DODÒ SI PRESENTA COSÌ: SALTA TUTTI E CILIEGINA CON TUNNEL A VIDIC

Sta ben impressionando il terzino brasiliano Dodò in queste prime sessioni di allenamento a Pinzolo. Ieri, in particolar modo, il laterale ex Roma ha strappato applausi a scena aperta quando è partito palla al piede, saltando tutti gli avversari incontrati...

SKY - IL MILAN HA CHIESTO LAVEZZI, RISPOSTA NEGATIVA DEL PSG. INFATTI...

Il Milan ha chiesto Ezequiel Lavezzi, come riferisce Gianluca Di Marzio a SkySport. Oggi è arrivata la risposta del Psg che ha detto che non venderà il Pocho. "Chiaro segnale anche per altri club italiani interessati all'argentino", ha...

PRIMO ALLENAMENTO NEGLI USA. QUANTO ENTUSIASMO ATTORNO ALL'INTER

Sempre più Stati Uniti d'Inter. I nerazzurri arrivano a Washington e trovano una sorpresa. L'accoglienza dell'Inter Club Washington, nato ufficialmente oggi. Più di cinquanta tifosi che, nonostante si trattasse di una giornata lavorativa, hanno...
   FC Inter 1908 Norme sulla privacy