VERSIONE MOBILE
Domenica 1 Febbraio 2015      
 
 
  EDITORIALE

La Mala Educaciòn

07.04.2012 02:40 di Sabine Bertagna articolo letto 2675 volte
Fonte: FCINTER1908.IT

Se cercate una condanna esemplare venite a sbirciare in casa nostra. Ne abbiamo una per ogni occasione. Le famose tre giornate comminate a Samuel aprirono, per esempio, l'era della prova televisiva. L'allora giudice Maurizio Laudi aveva sottolineato «l'odiosità del gesto, che esprime(va) una inaccettabile forma di disprezzo nei confronti di un avversario». L'inaccettabile forma di disprezzo era uno sputo che avrebbe mirato alla schiena di Nedved. Walter dichiarerà in seguito di avere semplicemente sputato per terra. Dichiarazione che le stesse immagini non sono mai state ingrado di contraddire.
Di squalifiche, multe e ammende ce ne sono state a bizzeffe. Alcune giuste, altre meno comprensibili. Soprattutto se iniziavi a sbirciare l'erba del vicino e ti rendevi conto che per la stessa infrazione lo stesso giudice aveva fatto spallucce. Per aver mandato l'arbitro a quel paese, per esempio, si possono ricevere due giornate di squalifica o una semplice ammenda pecunaria. Dipende. Da che cosa? Beh, adesso chiedete troppo.

Educare. Sembra essere quella, la parolina magica che si nasconde dietro alle punizioni del giudice sportivo. Fare in modo che il calciatore si renda conto di essere stato scorretto e in futuro si ravveda. Mah. Il dubbio rimane. Con i cori razzisti all'indirizzo di Balotelli si era arrivati ad una situazione insostenibile. Ma nessuno aveva mai trovato il coraggio (quello vero) per girare la schiena a quei cori odiosi (spesso puniti con un minimo sindacabile giusto per) e dare l'esempio. Già, l'esempio.
A chi dovrebbero ispirarsi secondo voi i giovani calciatori di oggi? A quei campioni abituati ad accerchiare l'arbitro per intimidirlo, a quelli che si rotolano per terra sbirciando da lontano l'agognato cartellino all'indirizzo dell'avversario o a quelli che passano direttamente a efficaci mosse di kick-boxing? Il problema nasce dal regolamento, che spesso invece che essere semplicemente applicato è soggetto a strane interpretazioni. Sballa l'unità di misura, sballa ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Pensiamo a Simone Pecorini, giovanissimo della Primavera nerazzurra Campione d'Europa, che in finale ha commesso l'ingenuità di cercare un confronto verbale con l'arbitro. Sottolineiamo verbale perché nei video esaminati dell'aggressione ventilata dai referti e sanzionata dal giudice Tosel con 9 mesi di squalifica (avete letto bene, 9 mesi) non sembra esserci traccia. Il punto è molto semplice. Esiste un modo per provare questa aggressione? Perché se le prove non ci sono vogliamo capire con quale animo dovremmo accettare una squalifica lunga una stagione intera. E poi, parliamoci chiaro, lo vogliamo educare il ragazzo o stiamo cercando un modo per distruggerlo? Se davvero non esiste un modo per accertare con sicurezza un fatto dal quale potrebbe dipendere una giovanissima carriera, beh allora, avere un giudice serve ben poco. Ad applicare una giustizia sommaria siamo bravissimi anche da soli.

Twitter @SBertagna


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie
POSSIBILE CESSIONE DI OSVALDO. SIETE D'ACCORDO?
  
  

 
Juventus 50
 
Roma 43
 
Napoli 39
 
Lazio 34
 
Sampdoria 34
 
Fiorentina 32
 
Palermo 30
 
Genoa 29
 
Torino 28
 
Udinese 28
 
Sassuolo 28
 
Milan (-1) 26
 
Inter 26
 
Hellas Verona 24
 
Atalanta 23
 
Empoli 20
 
Cagliari 19
 
Chievo Verona 18
 
Cesena 15
 
Parma (-1) 9*
Penalizzazioni
 
Parma -1

Handanovic 5: Zaza e Sansone indovinano i gol della domenica ma sempre sul suo palo. E lui è in ritardo Donkor 5,5: E' piuttosto intraprendente in fase offensiva ma non è un terzino e dietro lascia voragini Vidic 5: Marcature all'acqua di rose,...
"Peggio di così non può andare" questa la riflessione di buona parte dei tifosi nerazzurri dopo la sconfitta casalinga della scorsa settimana subita dal Torino. Considerazione che lascia la porta accostata all'accorrente speranza, che giunta...

GDS - INTER VIGILE SULLE BABY-PROMESSE MONDIALI: IN ARRIVO ALTRI DUE NOMI

L'Inter continua a mostrare attenzione ai baby talenti mondiali. Gli ultimi nomi sono riportati nell'edizione odierna della Gazzetta dello Sport: "Rimanendo vigile sulle baby-promesse mondiali: tanto che è sbarcato l’attaccante José...

ESCLUSIVA AG LAXALT: "HO CHIESTO ALL'EMPOLI DI LIBERARLO, DUE LE DESTINAZIONI"

Diego Laxalt ha voglia di lasciare Empoli. L'uruguaiano, di proprietà dell'Inter, era approdato in Toscana negli ultimi giorni di mercato con tutta l'intenzione di mettersi in mostra e guadagnarsi un posto da titolare nello scacchiere tattico di mister...

CI SIAMO: LA JUVE PAGA IL DISTURBO ALL'INTER E OSVALDO...

Potrebbe esserci oggi l'attesa fumata bianca per il ritorno alla Juventus di Daniel Osvaldo. L’iniziale rigidità dell’Inter nel dare il via libera all’italo-argentino ribelle per accasarsi a Torino potrebbe essere superata, anzi verrebbe...

VIDEO - TACCO DI PODOLSKI, GOL DI SHAQIRI: L'INTER GODE CON I NUOVI

AGENZIA INFORMA - L’Inter va con i nuovi acquisti. Gli ottavi di Coppa Italia hanno messo in luce Lukas Podolski e Xherdan Shaqiri, appena approdati a Milano. Il tedesco ha regalato un assist stupendo di tacco e lo svizzero ha sbloccato il risultato con un perfetto...

SASSUOLO-INTER, DI FRANCESCO NON RINUNCIA AL TRIDENTE: SANSONE CON ZAZA E BERARDI

Il Sassuolo affronta l'Inter a viso aperto. I neroverdi, infatti, non rinunciano al loro tridente e schierano contemporaneamente Berardi, Zaza e Sansone, che ha già punito i nerazzurri in passato. Fuori Taider, impegnato in Coppa d'Africa. Ecco i probabili...

APPIANO, SEDUTA MATTUTINA SOTTO IL GELO DELLA PINETINA. JUAN E KUZMANOVIC...

Il lavoro della squadra dei giardinieri e l'impianto di riscaldamento dei campi del centro sportivo "Angelo Moratti", hanno permesso il regolare svolgimento delle attività, dopo la caduta di neve registrata nella nottata. Juan Jesus e Kuzmanovic non si...
   FC Inter 1908 Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.