VERSIONE MOBILE
Martedì 21 Ottobre 2014      
 
 
  EDITORIALE

La Mala Educaciòn

07.04.2012 02:40 di Sabine Bertagna articolo letto 2643 volte
Fonte: FCINTER1908.IT

Se cercate una condanna esemplare venite a sbirciare in casa nostra. Ne abbiamo una per ogni occasione. Le famose tre giornate comminate a Samuel aprirono, per esempio, l'era della prova televisiva. L'allora giudice Maurizio Laudi aveva sottolineato «l'odiosità del gesto, che esprime(va) una inaccettabile forma di disprezzo nei confronti di un avversario». L'inaccettabile forma di disprezzo era uno sputo che avrebbe mirato alla schiena di Nedved. Walter dichiarerà in seguito di avere semplicemente sputato per terra. Dichiarazione che le stesse immagini non sono mai state ingrado di contraddire.
Di squalifiche, multe e ammende ce ne sono state a bizzeffe. Alcune giuste, altre meno comprensibili. Soprattutto se iniziavi a sbirciare l'erba del vicino e ti rendevi conto che per la stessa infrazione lo stesso giudice aveva fatto spallucce. Per aver mandato l'arbitro a quel paese, per esempio, si possono ricevere due giornate di squalifica o una semplice ammenda pecunaria. Dipende. Da che cosa? Beh, adesso chiedete troppo.

Educare. Sembra essere quella, la parolina magica che si nasconde dietro alle punizioni del giudice sportivo. Fare in modo che il calciatore si renda conto di essere stato scorretto e in futuro si ravveda. Mah. Il dubbio rimane. Con i cori razzisti all'indirizzo di Balotelli si era arrivati ad una situazione insostenibile. Ma nessuno aveva mai trovato il coraggio (quello vero) per girare la schiena a quei cori odiosi (spesso puniti con un minimo sindacabile giusto per) e dare l'esempio. Già, l'esempio.
A chi dovrebbero ispirarsi secondo voi i giovani calciatori di oggi? A quei campioni abituati ad accerchiare l'arbitro per intimidirlo, a quelli che si rotolano per terra sbirciando da lontano l'agognato cartellino all'indirizzo dell'avversario o a quelli che passano direttamente a efficaci mosse di kick-boxing? Il problema nasce dal regolamento, che spesso invece che essere semplicemente applicato è soggetto a strane interpretazioni. Sballa l'unità di misura, sballa ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Pensiamo a Simone Pecorini, giovanissimo della Primavera nerazzurra Campione d'Europa, che in finale ha commesso l'ingenuità di cercare un confronto verbale con l'arbitro. Sottolineiamo verbale perché nei video esaminati dell'aggressione ventilata dai referti e sanzionata dal giudice Tosel con 9 mesi di squalifica (avete letto bene, 9 mesi) non sembra esserci traccia. Il punto è molto semplice. Esiste un modo per provare questa aggressione? Perché se le prove non ci sono vogliamo capire con quale animo dovremmo accettare una squalifica lunga una stagione intera. E poi, parliamoci chiaro, lo vogliamo educare il ragazzo o stiamo cercando un modo per distruggerlo? Se davvero non esiste un modo per accertare con sicurezza un fatto dal quale potrebbe dipendere una giovanissima carriera, beh allora, avere un giudice serve ben poco. Ad applicare una giustizia sommaria siamo bravissimi anche da soli.

Twitter @SBertagna


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie
INZIO DI STAGIONE COMPLICATO. DI CHI LA COLPA?
  
  
  

 
Juventus 19
 
Roma 18
 
Sampdoria 15
 
Milan 14
 
Udinese 13
 
Lazio 12
 
Napoli 11
 
Hellas Verona 11
 
Inter 9
 
Genoa 9
 
Fiorentina 9
 
Torino 8
 
Empoli 7
 
Atalanta 7
 
Cesena 6
 
Palermo 6
 
Cagliari 5
 
Chievo Verona 4
 
Sassuolo 4
 
Parma 3

Prima di definire l'ultimo quarto d'ora di Inter-Napoli una svolta, sarà forse opportuno attendere che quanto visto in quel quarto d'ora si manifesti nuovamente in altre partite. Il bisogno disperato di considerarci (finalmente) guariti è un...
La situazione economica in casa Inter non è certo facile, ma dove il cda di ieri è anche peggio di quello che ci si immaginava. Fuori dall’Europa che conta per un anno è costato caro prova ne sia il fatto che il rosso di bilancio è stato...

ROLANDO, IL WBA È PRONTO A OFFRIRE AL PORTO MA IL GIOCATORE BLOCCA TUTTO

Recenti notizie provenienti dai tabloid inglesi hanno riportato un vivo e serio interesse da parte di Aston Villa e West Bromwich Albion per il difensore Rolando, che ha giocato in prestito all'Inter la scorsa stagione. Il Porto ha già fatto sapere di essere...

ESCLUSIVA VECCHI: "POCHI ITALIANI? TUTTI NAZIONALI! NON SOLO BONA E PUSCAS PRONTI. SO PER CERTO CHE THOHIR..."

Punteggio pieno (12 punti), 20 (22 se si conta anche la Coppa Italia) gol segnati e solo 2 subiti. La Primavera nerazzurra ha aggredito il campionato e sta viaggiando a velocità sostenuta. Partita dopo partita emerge sempre più una mentalità da...

PODOLSKI IN PARTENZA DALL'ARSENAL: «DI CERTO NON ANDRÒ MAI...»

Lukas Podolski è ormai prossimo all'addio da Londra, l'attaccante dell'Arsenal ha confidato di voler lasciare i Gunners a gennaio, molte squadre interessate a lui e si era parlato anche di un possibile passaggio a sorpresa di Podolski...

CAVANI, ESULTA CON LA MITRAGLIA E TOCCA L'ARBITRO: ESPULSO VIDEO

Espulsione abbastanza insolita quella subita da Edinson Cavani nella partita tra Lens e Psg. Dopo aver segnato su rigore il gol del 3-1, l'uruguaiano ha esultato mimando il gesto di un cecchino, cosa che evidentemente non è piaciuta all'arbitro Rainville...

QUI SAINT ETIENNE - SQUADRA DIVISA IN DUE GRUPPI, ANCHE ERDING TORNA A LAVORO

Dopo un giorno di riposo, nella giornata di ieri il Saint Etienne ha ripreso ad allenarsi al centro sportivo di L'Etrat in vista della sfida di giovedi in Europa League contro l' Inter. Per i giocatori impegnati in campionato sabato scorso contro il...

NAGATOMO TORNA CON IL PARMA? PER L'IMPEGNO EUROPEO...

Continua il problema infortuni in casa Inter. L’ecografia di ieri fatta da Nagatomo, ha evidenziato uno stiramento di primo grado che lo terrà fuori per circa due settimane. Il laterale giapponese, secondo la Gazzetta dello Sport, potrebbe tornare a disposizione...
   FC Inter 1908 Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.