Inter, Marotta: “FPF ci impedisce di investire e la Juve dominerà. Prendiamo Godin e cerchiamo…”

Inter, Marotta: “FPF ci impedisce di investire e la Juve dominerà. Prendiamo Godin e cerchiamo…”

Beppe Marotta parla chiaro sul futuro e sugli obiettivi dell’Inter

di Daniele Mari, @fcin1908it

“La famiglia Zhang vuole fare bene ma ci sono paletti veramente difficili, quelli del FPF, che ci impediscono di investire avendo carta bianca”. Anche Beppe Marotta, AD dell’Inter, si unisce al coro dei dirigenti contrari al fair play finanziario.

Il dirigente nerazzurro avverte i tifosi anche per quanto riguarda il mercato e la futura lotta con la Juventus: “Quello che io posso garantire all’Inter è l’esperienza, che è componente importante. La Juventus può recitare un ruolo da protagonista ancora per diversi anni, il gap è notevole. Economicamente, a livello di fatturato, ci sono ancora molte diversità. Quello della Juventus è uno strapotere, le altre non riescono a stare dietro alla Juve se pensiamo che il maggiore contendente, il Napoli, viaggia con 11 punti di ritardo sull’anno passato. Ancora per qualche anno, la Juve dominerà”.

Sul mercato, idee chiare: “La volontà della famiglia Zhang è di migliorare le performance di anno in anno. Dobbiamo puntellare questa rosa, con giocatori di esperienza e cultura vincente. Stiamo definendo Godin, incarna questi valori. Dobbiamo trovare giocatori di questo tipo”.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13898642 - 2 settimane fa

    Quindi in sostanza un buon giocatore verrà ALL’INTER solo se fosse la sua principale e personale soddisfazione. Un orrimo giocatore non verrà mai xche sa già di non vincere niente. Il giocatore mediocre invece viene volentieri xche l’alternativa sarebbe la serie B.
    Mi pare un ottima prospettiva!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pino78 - 2 settimane fa

    La Uefa con le sue regole rappresenta una anomalia nell’ambito del sistema normativo comunitario, ponendosi in netto contrasto con i principi fondamentali dell’UE. Per questo sarebbe doveroso contrastare il suo operato facendo ricorso agli organi istituzionali comunitari. Gli strumenti ci sono, basta avere la volontà. Ed è qui che sorgono i miei dubbi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy