IL PAGELLONE DEL RECA

IL PAGELLONE DEL RECA

Commenta per primo!

Penso di non aver mai assistito ad una partita del genere. In telecronaca (Mediaset Premium) ho passato momenti di disperazione ad una gioia indescrivibile. Milito e Sneijder ci hanno ridato il sorriso, proiettandoci al primo posto anche in Europa, non solo in Italia dove dominiamo da anni. Una buona Dinamo, ma Julio Cesar non è mai stato impegnato, mentre l’Inter, nella ripresa, ha sprecato tantissimi gol regalandoci però due perle da “pazza Inter”. Gli altri anni avremmo perso, quest’anno così non è stato. Elogio a Mourinho che si è inventato la sostituzione Muntari-Samuel e ha vinto la gara. Bravo Mou, immensi i ragazzi, superlativo Sneijder. Ed ora le pagelle, un misto tra giornalista e tifoso…

JULIO CESAR 6: Julione meriterebbe un mezzo punto in meno, ma forse non tutti sanno che la sua presenza è stata in dubbio fino a qualche minuto dall’inizio della partita, per un forte mal di schiena. Mai impegnato dopo il gol, se non con alcune uscite alte sempre molto sicure.

MAICON 5,5: In Europa si trasforma. Un ragazzo che con la nazionale brasiliana ha girato mille campi importanti e ha giocato gare da dentro o fuori, ma quando arriva la Champions League sembra bloccato. Mai incisivo, anche se corre avanti e indietro per novanta minuti.

LUCIO 7,5: Impeccabile. Avanza come un “cavallo pazzo” quando può, e recupera 1 milione di palle. Grandissimo.

SAMUEL 7: In difesa è il solito muro, ma in avanti fa la cosa più bella. Calcio d’angolo e colpo di testa in torsione che colpisce il palo. Una garanzia, una sicurezza, un muro, il “muro argentino”.

CHIVU 5: Il rumeno non stava bene. Non ha mai affondato il colpo, e dalle sue parti Shevchenko ha fatto sempre molto bene. Merito dell’ex rossonero o demerito del nostro difensore?

CAMBIASSO 6: Prestazione non ottima per il nostro perno di centrocampo. Sembrava bloccato, spaesato, anche se sempre elegante ed efficace. Svolge il compitino senza mai incidere. Rimane, comunque, il nostro punto di riferimento.

ZANETTI 7: Il capitano sfodera una delle sue migliori prestazioni in Europa. A centrocampo tocca 400 mila palloni, da terzino/difensore gioca ancor meglio. Un Capitano con la “C” maiuscola.

STANKOVIC 6,5: Quanto corre questo ragazzo. E in ogni parte del campo. Nella nostra area, dopo 10 secondi spinge a centrocampo, dopo 20 lo ritrovi al limite della loro area che porova il tiro o cerca il suggerimento per le punte. Che stagione!

SNEIJDER 8,5: Diego?? Chi?? Non c’è paragona. L’uomo dal baricentro basso, l’uomo dell’ultimo passaggio, l’uomo che riesce a saltare l’uomo mettendo sempre i nerazzurri in superiorità numerica. Un gol e un assist, non ci sono parole per descrivere la grandezza dell’”olandese volante”. Grazie Real…

ETO’O 5,5: Corre, corre, corre. Si danna l’anima, mette Balotelli davanti al portiere, ma si mangia un gol che avrei fatto anch’io. Il piede gli fa ancora male, ma il camerunense lotta e stringe i denti come un vero “Re Leone”.

MILITO 7: Diego Alberto “El Principe” Milito non manca l’appuntamento al gol nemmeno sotto tortura. Ne sbaglia un nel primo tempo e si vede che non è al 100%, ma poi si fa perdonare regalando il gol del pareggio.

MOURINHO 8: Il tecnico di Setubal si inventa la mossa Muntari e vince la gara. Onore a te Josè Mourinho, finalmente una mossa sa vero numero 1.

MOTTA 6,5: Ha toccato tantissimi palloni. Non è al massimo della condizione, ma non sbaglia assolutamente nulla.

BALOTELLI 7: Sbaglia un gol che solitamente segna ad occhi chiusi, ma cambia la partita. Salta gli uomini della Dinamo Kiev come birilli, si conquista punizioni e prende tanti calci. Vivo e presente in partita.

MUNTARI 6,5: Mourinho gli chiede di giostrare sulla sinistra e lui lo fa senza battere ciglio. Suo il tiro che porterà al gol di Sneijder
 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy