VERSIONE MOBILE
 
Lunedì 8 Febbraio 2016      
 
 
  ULTIM'ORA
Un premio per Stramaccioni: le ali della vittoria
© foto di Federico De Luca

Un premio per Stramaccioni: le ali della vittoria

24.04.2012 00:18 di Eva A. Provenzano articolo letto 1730 volte
Fonte: inter.it

"Le Ali della Vittoria" è la festa della calcio dilettantistico italiano, è la cerimonia che sancisce, meglio di ogni altra, la stretta relazione tra la Lega Nazionale Dilettanti ed il cuore del calcio italiano. La LND come spina dorsale di un movimento che ha punte di eccellenza e valori positivi da trasmettere. Una famiglia, quella del calcio tricolore, che ha voglia di rialzare la testa dopo le numerose critiche piovute a seguito delle inchieste che ne hanno minato la credibilità a livello professionistico. È con questo spirito che il presidente Carlo Tavecchio ha ospitato la VI edizione del premio all'Auditorium Parco della Musica di Roma nella sala Petrassi, tracciando un filo rosso fatto di passione per lo sport più praticato al mondo, che lega virtualmente il campo di periferia con lo stadio della finale della Coppa del Mondo. Senza dimenticare però che un componente di questa grande famiglia purtroppo oggi non c'è più. Piermario Morosini è solo l'ultimo di una triste lista che ha mietuto vittime anche nel cosiddetto calcio minore, che non hanno avuto lo stesso giusto clamore che ha accompagnato la dipartita del compianto giocatore del Livorno. Un ricordo che abbraccerà, dunque, giocatori e dirigenti di ogni categoria che hanno lasciato questo mondo dedicando la propria vita ad un pallone che rotola.

"Le Ali della Vittoria" è un riconoscimento istituito nel 2004 che ha condotto in passerella i volti ed i nomi più noti del panorama sportivo italiano. Personaggi del calibro dell'On. Rocco Crimi, già sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport, di Petrucci, Pagnozzi, Abete, Vicini, Albertini, Macalli e Valentini tra i dirigenti federali, Moratti come dirigente di società, Sacchi, Prandelli, Del Neri, Zaccheroni e Ballardini per gli allenatori, Muzzi, Corradi, Bazzani e Grosso come calciatori, Pizzul, Palombo, Civoli, Scarnati, Bianchi e Moretti in qualità di giornalisti sportivi.

Alla presenza del Presidente della FIGC Giancarlo Abete, sempre vicino e sensibile alle istanze di tutte le anime del calcio, l'edizione 2012 riserva una presenza ancora più speciale: il presidente della FIFA Joseph Blatter. Dopo il presidente UEFA Michel Platini, anche il massimo dirigente calcistico internazionale ha risposto con entusiasmo all'invito del presidente Tavecchio e torna in Italia per la seconda volta in 8 mesi, dopo la cerimonia di apertura del Mondiale di Beach Soccer a Ravenna lo scorso settembre.

L'edizione odierna, oltre al riconoscimento per Blatter, ha visto anche la consegna del premio a dirigenti federali di lungo corso che, nei rispettivi ruoli e competenze, hanno speso una vita intera a supporto del calcio di base: il vice presidente LND Antonio Cosentino ed il consulente fiscale Edmondo Caira. Con loro, non potevamo mancare alti personaggi della FIGC, politici e tecnici, che contribuiscono a rendere il calcio italiano un esempio di pluralità e correttezza: Damiano Tommasi (presidente AIC) e Stefano Palazzi (procuratore federale). "Le Ali della Vittoria" però è soprattutto calcio giocato e allora è giusto celebrare personalità che domenica dopo domenica portano in alto il nome dei Dilettanti anche e soprattutto lavorando a stretto contatto con i giovani. È il caso degli allenatori Ciro Ferrara, un esempio per tutti gli appassionati di calcio, Roberto Menichelli, che ha portato recentemente al bronzo europeo la nazionale italiana di calcio a 5, di Massimiliano Esposito, alla guida della nazionale di beach soccer, e di Andrea Stramaccioni, ora tecnico dell'Inter ma già navigato trainer di affermate società dilettantistiche giovanili. Dalla panchina al campo ed ecco allora i riconoscimenti ad un talento del calcio italiano che è partito dalle serie dilettantistiche (ha vestito anche la maglia della nazionale dilettanti under18) Gianluca Sansone, attaccante del Sassuolo, alla pluridecorata calciatrice del Bardolino Melania Gabbiadini e all'estremo difensore azzurro di calcio a 5, nominato miglior portiere al mondo, Stefano Mammarella. Protagonista senza calciare il pallone, l'arbitro internazionale Nicola Rizzoli, premiato quale "fuoriclasse del fischietto". Per raccontare lo sport e il calcio in particolare non si possono dimenticare i media che, con il loro operato, ne incrementano la visibilità. La scelta quest'anno è ricaduta sul direttore de La Gazzetta dello Sport Andrea Monti, sul giornalista de Il Corriere dello Sport-Stadio Roberto Di Gianfrancesco e sul giornalista radiofonico, conduttore della fortunata trasmissione "La Politica nel Pallone", Emilio Mancuso.

Una grande festa del calcio, quindi, all'Auditorium Parco della Musica di Roma. Andrea Stramaccioni impegnato con l'Inter nella preparazione del recupero della gara di campionato contro l'Udinese, è stato rappresentato da Massimilaino Catini, suo collaboratore storico e assistente tecnico in nerazzurro.


Altre notizie - Ultim'ora
Altre notizie
CHI TEMETE DI PIÙ NELLA CORSA AL TERZO POSTO?
  
  
  

 
Napoli 56
 
Juventus 54
 
Fiorentina 46
 
Inter 45
 
Roma 44
 
Milan 40
 
Sassuolo 34
 
Empoli 34
 
Lazio 33
 
Bologna 30
 
Chievo Verona 30
 
Torino 28
 
Atalanta 28
 
Udinese 27
 
Palermo 26
 
Genoa 25
 
Sampdoria 24
 
Carpi 19
 
Frosinone 19
 
Hellas Verona 15

PAGELLE: Mancini ringrazia Perisic, Melo sbaglia tutto. Palacio ci mette l'anima, Eder non c'èHandanovic 6: Tre gol in fotocopia, coi difensori immobili davanti a lui. Rischia di ricadere in depressione se i suoi compagni di reparto non si danno una svegliata Nagatomo 5,5: Corre tantissimo ma spesso e volentieri senza alcun costrutto Murillo 5: Segna ma è...
Cordoba: "Indelebile un episodio con Mourinho. Ero del City, Moratti disse sì ma..."Ivan Ramiro Cordoba e un passato da bandiera. E' lo stesso ex difensore e team manager dell'Inter a svelare quante volte è stato sul punto di lasciare la squadra nerazzurra, finendo sempre col restare a Milano: "Quando mi sono sentito un simbolo? Molti...

IL MERCATO NERAZZURRO PER GIUGNO RIPARTIRÀ DAGLI ESTERNI DIFENSIVI. CON DUE PRIORITÀ

Il mercato nerazzurro per giugno ripartirà dagli esterni difensivi. Con due prioritàIl mercato dell'Inter non si ferma mai. Champions o non Champions la squadra nerazzurra a giugno avrà parecchi cambiamenti. Innanzitutto si cercano esterni difensivi di qualità. Non è affatto scontato che venga riscattato il pur convincente Alex...

ESCLUSIVA AG NAGATOMO: "RINNOVO? ECCO LA SITUAZIONE. CON L'INTER ABBIAMO..."

ESCLUSIVA Ag Nagatomo: "Rinnovo? Ecco la situazione. Con l'Inter abbiamo..."Ipotesi concreta, ma per il momento non ci sono accordi. Contrariamente a quanto filtrato negli ultimi giorni, non è stata ancora trovata l'intesa fra le parti per il rinnovo di Yuto Nagatomo (in scadenza a giugno) con l'Inter. A rivelarlo, ai microfoni di...

GLOBO: CALLERI! SAYANG SEKALI IA AKAN GABUNG INTER. 27 JULI NANTI, IA AKAN AMBIL KEPUTUSAN JIKA...

Globo: Calleri! Sayang Sekali Ia Akan Gabung Inter. 27 Juli Nanti, Ia Akan Ambil Keputusan Jika...IN ITALIANO: http://www.fcinter1908.it/copertina/globo-che-calleri-peccato-sia-gia-dell-inter-entro-il-27-luglio-decidono-se-177303 Jonathan Calleri sejauh ini menunjukkan penampilan positif selama mengarungi petualangan barunya bersama Sao Paulo. Pemain asal Argentina...

VIDEO / RISSA VERGOGNOSA TRA GIMNASIA ED ESTUDIANTES. APRE LE DANZE L'EX INTER PEREIRA

VIDEO / Rissa vergognosa tra Gimnasia ed Estudiantes. Apre le danze l'ex Inter PereiraECCO IL VIDEO: http://inter-tube.it/?p=11160 Vergognoso epilogo della partita tra Gimnasia ed Estudiantes, doveva essere un'amichevole ma così non è stato. Finisce in rissa, con l'ex Catania Andujar sugli scudi. La partita è terminata...

DELNERI: «ARRABBIATO PER QUANTO SUCCESSO CONTRO L'INTER. IL VERONA...»

Delneri: «Arrabbiato per quanto successo contro l'Inter. Il Verona...»Luigi Delneri, allenatore dell'Hellas Verona, ha commentato il 3-3 ottenuto contro l'Inter: «Siamo arrabbiati per ieri, il Verona ha buttato via due punti che potevano darci ambizioni più concrete, dobbiamo pensare a restare vivi e salvarci, fino...

TUTTI IN RITIRO? ANZI NO. MANCINI HA DECISO DI...

Tutti in ritiro? Anzi no. Mancini ha deciso di...Inter in ritiro? Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, il rischio c’è stato, eccome. Quando ha lasciato il Bentegodi, Roberto Mancini, era molto deluso e i suoi pensieri erano anche rivolti  su questo aspetto. Tra un’idea e...
   FC Inter 1908 Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI