Casalegno: “Io innamorata calcisticamente di Politano per tre motivi. Icardi e Wanda…”

Casalegno: “Io innamorata calcisticamente di Politano per tre motivi. Icardi e Wanda…”

L’attrice e conduttrice ha parlato anche del derby

di Matteo Pifferi, @Pifferii

La Gazzetta dello Sport ha riportato un’intervista di Elenoire Casalegno, conduttrice TV di successo nonché grandissima tifosa dell’Inter:

«Se sarò presente? Ce la metto tutta. I primi derby li ho visti in tv, ma dai vent’anni in poi in curva nord. Ricordi bellissimi. Il derby della vita? Non c’è, ognuno è importante per classifica e per prestigio».

La rivalità è più con i rossoneri o con la Juve?.

«Non c’è paragone, anche se in fondo siamo cugini. Di quelli che si vogliono bene ma si fanno i dispetti. Il derby ha sempre qualcosa in più».

Inter rimontata dal Milan, che succede?

«Ah no eh. Non ci casco. Siamo comunque a metà marzo e il campionato è ancora lungo e poi se vinciamo facciamo il sorpasso…».

Pronostico per domenica?

«Altra domanda prego…»

Allora almeno ci dica chi può essere l’uomo decisivo.

«Dall’inizio del campionato mi sono calcisticamente innamorata di Politano. Mi piace perchè si dà da fare, corre tanto e poi è anche italiano».

Non ci sarà Icardi, il capitano che ha deciso due degli ultimi derby.

«Credo che abbia un problema al ginocchio. Ma è inutile far finta di niente, sta vivendo una situazione un po’ delicata, è da tanto che se ne parla e secondo me va risolto privatamente. Invece se ne parla troppo sui giornali e in tv».

E anche la moglie-compagna-procuratrice Wanda Nara ci mette dal suo.

«Lei recita tante parti: è la moglie, hanno dei figli, è la sua manager. E poi è anche un’opinionista in tv. Difficile mantenere l’equilibrio in questi casi, ogni volta che si espone un ruolo lede l’altro. Io non sono mai stata con un calciatore, ma il mio ex marito era un dirigente televisivo e quando sei al fianco di un personaggio pubblico devi tutelare anche l’altra persona. Ho molto rispetto per la figura del procuratore, so che non è semplice gestire certe situazioni, forse lei non ha ancora l’esperienza giusta. Al suo posto mi preoccuperei più della mia figura di compagna e meno di quella di procuratore e opinionista».

Stagione di alti e bassi: terrebbe Spalletti?

«Ce la sta mettendo tutta, mi pare uno che crede molto nel suo lavoro. Certo si può fare sempre meglio, ma bisogna anche dargli tempo. Credo sia giusto arrivare a fine stagione e tirare poi le somme».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy