Colonnese: “Oggi tutti esperti, la nostra nazionale non è competitiva. Viva l’Italia, dobbiamo…”

Colonnese: “Oggi tutti esperti, la nostra nazionale non è competitiva. Viva l’Italia, dobbiamo…”

L’analisi dell’ex giocatore interista sul fallimento della nazionale italiana

Commenta per primo!

Francesco Colonnese, ex giocatore dell’Inter, ha provato ad analizzare sui suoi social la mancata qualificazione al Mondiale del 2018 della nazionale italiana. Una mancata qualificazione che brucia tantissimo: “Oggi tutti a puntare il dito contro gli azzurri. Tutti tuttologi, esperti di calcio da bar che cercano un capo espiratorio. Il fallimento della Nostra Italia non ha un solo colpevole ma è figlio di molteplici fattori. Il primo su tutti è che in Italia non si ha l’interesse economico di seguire i nostri giovani, non si ha interesse, o forse anche non si hanno le capacità di seguire le scuole calcio di ogni singola città, perché in esse vivono migliaia di talenti mai emersi. Abbiamo arricchito il nostro campionato con una disarmante quantità di stranieri mediocri, forse mediaticamente più interessanti. Quanto alla Nazionale di oggi la verità è nei verdetti delle prestazioni e delle partite giocate. La nostra Nazionale attuale non è competitiva, ha diversi giocatori sopravvalutati dai media e dalla stampa. Bisogna accettare la sconfitta, questa Italia non ha meritato e non meritava la qualificazione. Ora gli addetti ai lavori devono rimboccarsi le maniche, e ripartire dall’anno zero.  Al di là dei moduli, delle tattiche, dei posizionamenti, al di là di tutto. L’Italia deve rifondarsi sui nostri giovani, quelli che hanno talento, dovremmo essere bravi a farli emergere, e credetemi ce ne sono tanti sparsi in tutta Italia, quelli che sognano di giocare basandosi sulla meritocrazia e non su interessi politici ed economici, perché alla fine, quando si fanno scelte solo per denaro, questo magnifico sport ti porta il conto. E ieri siamo stati serviti. Viva l’Italia”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy