CorSera – Diritti tv, è il giorno della verità: Sky e Perform in corsa, cosa farà Mediapro?

CorSera – Diritti tv, è il giorno della verità: Sky e Perform in corsa, cosa farà Mediapro?

Sono ore fondamentali per l’assegnazione dei diritti tv del nostro campionato

di Daniele Vitiello, @DanViti

Quella di oggi sarà una giornata molto importante per l’assegnazione dei diritti tv della prossima Serie A. Il Corriere della Sera in edicola questa mattina è andato in profondità nel tema: “Quattro mesi dopo l’aggiudicazione dei diritti tv a Mediapro, messa alla porta dalla Lega fra pronunciamenti dell’Antitrust, ricorsi in tribunale, bandi annullati e garanzie insufficienti, si ritorna in campo. Era il 5 febbraio e l’offerta di 1,05 miliardi per assicurarsi i diritti dei prossimi tre campionati pareva l’inizio di una nuova era. Di certo ha consentito ai presidenti della serie A di alzare l’asticella e fissare a 1,1 miliardi l’obiettivo minimo della nuova asta. A distanza di 13 mesi dal primo bando e a 67 giorni dall’inizio della nuova stagione i club si augurano di chiudere stasera —o al massimo domani mattina — una partita infinita. Di certo è il momento di scoprire le carte: entro le 11 dovranno pervenire in Lega le buste con le offerte, che verranno svelate in assemblea ai presidenti. raggiunti i minimi, i pacchetti — che costano rispettivamente 452, 408 e 240 milioni — verrebbero assegnati automaticamente. Più plausibile però l’ipotesi di rilanci da parte dei broadcaster, con l’assegnazione dei diritti programmata in serata. Dove vedremo il campionato? Dei sei operatori che hanno avanzato manifestazioni di interesse (Sky, Mediaset, Perform, Tim, Italia Way e Mediapro) sono rimasti in corsa Sky e Perform che insieme potrebbero iniettare nelle casse della Lega un miliardo. Nessuno può comprare tutto ma l’emittente di Murdoch è pronta a recitare la parte del leone accaparrandosi due pacchetti e avendo facoltà di acquistare il diritto di ritrasmettere le partite del terzo. Il grande dilemma è cosa farà Mediapro. Ieri gli spagnoli hanno avuto incontri con i vertici della Lega al fine di arrivare a una risoluzione del rapporto amichevole, senza strascichi legali e con una transazione a beneficio del gruppo iberico che attende la restituzione dei 64 milioni di acconto. Nella notte il vulcanico Roures deciderà se farsi da parte o mettere in busta offerte per tutti e tre i pacchetti al fine di accaparrarsene due. Nessun dorma”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy