CorSera – Inter, ora tutti in discussione compreso Spalletti. Il problema non era Icardi

CorSera – Inter, ora tutti in discussione compreso Spalletti. Il problema non era Icardi

Pessima prestazione ieri sera dell’Inter in casa del Cagliari

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Serata da dimenticare per l’Inter che affonda a Cagliari e oggi potrebbe essere superata dal Milan e agganciata dalla Roma. Questo il commento del Corriere della Sera alla pessima prestazione dei nerazzurri:

“Lo schianto dell’Inter a Cagliari è un botto tanto clamoroso da declassare il caso Icardi a fastidio secondario. La sconfitta fa esplodere i limiti nerazzurri, azzoppa la corsa Champions e mette a forte rischio il terzo posto che già oggi potrebbe prendersi il Milan. La stagione prende la piega più brutta, ora tutto è in discussione, anche l’allenatore Luciano Spalletti, protetto fin qui dalla classifica ma adesso nel pieno della bufera. D’altronde un girone di ritorno con appena 8 punti in 7 partite è una media da retrocessione. Il gioco poi non c’è mai stato, la squadra doveva essersi compattata e liberata dalle tensioni dopo l’espulsione dallo spogliatoio di Icardi, il k.o. però racconta tutt’altro. Il naufragio è meritato, figlio della solita Inter suicida che regala un tempo (il primo) all’avversario e tenta poi un’affannosa risalita non riuscita. Si salvano soltanto il capitano Handanovic e il giovane Lautaro, il resto è da buttar via. Soliti limiti, solita mancanza di carattere, soliti giocatori (Perisic, Vecino) che dovrebbero trascinare e invece sono inguardabili, solito Spalletti che interviene tardi e chiude con Ranocchia centravanti. Il difensore sarà pure l’unico disponibile, non è pensabile però non studiare un’alternativa.  Finisce con una batosta in attesa delle verità della classifica, ma una c’è già: il problema non era Icardi”.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Leo - 3 mesi fa

    Esatto il problema è spalletti e il suo modo di giocare

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy