Inter, Icardi e Wanda hanno scelto la strategia: bluff per stanare Suning

Inter, Icardi e Wanda hanno scelto la strategia: bluff per stanare Suning

I colleghi di TuttoSport tornano sulla vicenda che vede protagonista l’argentino

di Daniele Vitiello, @DanViti

Sembra segnato ormai il destino di Mauro Icardi. L’attaccante argentino, come sottolineano anche i colleghi di TuttoSport, dopo aver perso fascia da capitano e titolarità, è sicuramente sulla lista dei partenti in casa Inter, ma la strategia adottata dall’argentino e dalla sua consorte mira a far uscire allo scoperto la società di corso Vittorio Emanuele: Uno scenario che Wanda Nara e Icardi hanno compreso da tempo. Forse loro hanno tirato troppo la corda sulla questione rinnovo, ma al tempo stesso bisogna dare atto alla coppia di non aver mai dichiarato di voler andare via dall’Inter. E questo continua a fare Wanda, visto che Icardi non parla da mesi. Anche sabato notte a “Tiki-Taka” l’argentina ha ribadito: «Mauro rimane all’Inter? Certo», facendo poi una battuta – su Spalletti? – quando hanno mostrato una sua foto a San Siro con Totti: «Di cosa abbiamo parlato? Di una conoscenza in comune». Comunque sia, la strategia degli Icardi è chiara fin dai giorni successivi alla decisione del club nerazzurro di sfilargli la fascia di capitano. Secondo loro non c’erano dietro i comportamenti di Mauro ad Appiano o le frasi di Wanda in tv a portare l’Inter a degradarlo, piuttosto la volontà del club di cederlo in estate. Togliergli la fascia era il primo passo, seguita dalla titolarità dell’attacco affidata a Lautaro Martinez, come evidenziato nella sfida con la Roma. Icardi è certo che l’Inter voglia venderlo, ma lui e Wanda – criticata sui social per uno shooting fotografico dove appare con un pigiama di lusso dal fruttivendolo – aspettano che sia l’Inter stessa a ufficializzare il divorzio. Loro, pubblicamente, manterranno la posizione di quelli che non vogliono lasciare la squadra nerazzurra. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy