Inter, Lautaro vuole il guizzo Champions. Il Toro tira fuori il petto e cerca il gol decisivo

Inter, Lautaro vuole il guizzo Champions. Il Toro tira fuori il petto e cerca il gol decisivo

L’attaccante dell’Inter vuole tornare a segnare e spingere l’Inter in Europa

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Domenica l’Inter affronterà il Napoli, all’andata la squadra nerazzurra si impose per 1-0 grazie a una rete di Lautaro Martinez. Era l’inizio dell’esplosione di Lautaro che, con l’assenza di Icardi, è diventato presto il riferimento numero uno per l’attacco dell’Inter. Ma il Toro non vuole fermarsi e vuole mettere da parte il periodo negativo in zona gol che sta vivendo.
“E’ il momento di rimettere il turbo per far “dimenticare” Icardi: se sarà davvero addio con Maurito, l’Inter vuole arrivarci coi conti a posto e le garanzie del caso. Lautaro Martinez è uno da petto in fuori e sana incoscienza in attesa di ritrovare la via del gol: cinque partite consecutive senza segnare, nell’Inter non le ha mai fatte. Ora è fermo a quattro. Il Toro era piuttosto scuro in volto, lunedì sera, lasciando San Siro dopo la partita col Chievo: il gol gli manca dal derby, giusto due mesi fa. In mezzo, un infortunio alla coscia che ha riacceso i riflettori su Icardi. Il passaggio di testimone con Maurito è una realtà con la quale convivere dall’estate scorsa, riavvolgendo il nastro. Dai tempi della clausola, per capirci. Futuro in bilico, tira e molla di Icardi legati al contratto, il grande gelo con Spalletti: una stagione tutt’altro che banale è coincisa con l’arrivo in Italia del Toro. Che si è saputo gestire, ha centellinato i gol – sei in campionato – ma se l’Inter ha un piede nella prossima Champions League bisogna tornare anche all’ultima stracittadina che ha avuto l’effetto della partita spartiacque. Lautaro si è incastrato con i tempi giusti, in questa Inter da montagne russe. E ora cerca un altro gol da Champions”, spiega il Corriere dello Sport.
Mauro Icardi e Lautaro Martinez, Argentina
“Diffidato da un girone intero in campionato: l’attenzione a non prendersi un altro cartellino “fatale” è stata una dei capisaldi di Lautaro. Il peccato di gioventù, semmai, lo ha commesso a Francoforte cadendo nel trappolone dell’irruenza. Non era il caso di perdersi il ritorno di Europa League, che l’Inter ha giocato in condizioni di emergenza, ma il Toro si è fatto perdonare subito con gol e assist nel derby. Nella fase calante del campionato, gli manca solo il timbro sulla corsa Champions. La carica dell’argentino si è spenta su quell’infortunio post-nazionale, un freno all’esplosività di chi aveva anche segnato al Venezuela nell’ultimo blocco di amichevoli”, si legge sul quotidiano.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy