Inter, ora c’è anche la zona Lautaro: “Ieri a Parma una partita da… cartone animato”

Inter, ora c’è anche la zona Lautaro: “Ieri a Parma una partita da… cartone animato”

L’argentino ha dato risposte importanti

di Marco Macca, @macca_marco

Non è certo la prima volta che Lautaro Martinez riesce a entrare in partita con determinazione e ad avere un impatto di fatto decisivo ai fini del risultato del match. Anche ieri, così come il 26 dicembre nella notte di Inter-Napoli, l’attaccante argentino è stato decisivo per i nerazzurri, con un gol da tre punti che hanno un po’ nascosto anche un’altra prestazione incolore di Mauro Icardi:

Riecco l’acuto del Toro, riecco l’Inter che vince. Altro che la meteora Gabigol, la risposta di Lautaro Martinez arriva quando i nerazzurri hanno una fame tremenda di rivedere tre punti tutti in una volta, di rimettersi a correre e allontanare per un’altra settimana le inseguitrici Champions. Un pallone e bum, un gol da festival, ecco quello che serviva per scacciare le voci di chi gli ricorda più gli errori sottoporta e la confusione. Adesso, però, Lautaro è arrivato a quattro reti in Serie A: non sono tantissime, è vero, ma questo di Parma è il primo centro in trasferta, il secondo pesantissimo dopo quello firmato contro il Napoli a Santo Stefano nel 2018. Allora si era in pieno recupero, stavolta le lancette erano comunque molto avanti. È la zona Lautaro, quella in cui l’Inter, se deve aggredire al collo gli avversari, può permettersi il lusso di avere in campo il Toro e capitan Icardi. E se Maurito latita davanti, ci pensa l’amico più giovane. Se Batman Icardi non fa la voce grossa, ecco che Lautaro in versione Robin rimette le cose a posto per l’Inter. Niente stecca stavolta come nell’assalto alla Lazio in Coppa Italia e al Bologna in campionato. È la serata finale del Festival di Sanremo, Lautaro si adegua con un assolo dentro l’area che vale l’esultanza con le corna“.

(Fonte: la Gazzetta dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy