L’Inter attende ancora il vero Nainggolan. Il derby sarà la svolta? Radja non vede l’ora

L’Inter attende ancora il vero Nainggolan. Il derby sarà la svolta? Radja non vede l’ora

Il centrocampista dell’Inter è in crescita ma ancora non ha fatto vedere tutte le sue qualità

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Arrivato in estate all’Inter e accolto come un grande colpo di mercato, Radja Nainggolan deve ancora prendersi del tutto l’Inter e il derby col Milan potrebbe essere l’occasione giusta per farlo. Subito dopo la vittoria con la Spal, il Ninja ha messo nel mirino i rossoneri, non vede l’ora di giocare la stracittadina di Milano.La sosta fa al caso di Nainggolan che, per colpa di un infortunio nel ritiro, ha saltato tutta la preparazione e sta ancora lavorando per trovare la forma migliore, visto che non ha ancora fatto vedere il vero calciatore di cui Spalletti si è innamorato a Roma.
Il Corriere dello Sport riporta: “Sono passati ormai 40 giorni dal suo ritorno in campo (con il Bologna, il primo settembre), ma ancora il belga non ha raggiunto la piena condizione. E’ vero che ha subito segnato al debutto, ma poi ha continuato a fare fatica. Qualche colpo, qualche giocata delle sue si è vista, ma la continuità a certi livelli ancora non l’ha trovata. E’ il primo a saperlo e i pizzicotti di Spalletti non gli hanno certo dato fastidio. Il tecnico nerazzurro gli ha dato soltanto un 6 stiracchiato per il suo rendimento ad oggi. Ma lo ha fatto per stimolarlo e anche perché sa perfettamente quanto possa essere decisivo il Ninja per le fortune nerazzurre. Del resto, lo ha voluto lui a tutti i costi.  La verità è che il miglior Nainggolan si è visto soltanto nel match con il Psv Eindhoven. E non solo per il gol del pareggio. Ma per la sua efficacia in entrambe le fasi, di possesso e di non possesso. Finora, infatti, ha lavorato molto sul pressing e, sfruttando la forza e l’abilità nei contrasti, nel recupero del pallone – contro la Spal ne ha recuperati 6 ed è stato il migliore da questo pinto di vista – decisamente meno nel ribaltare l’azione con le sue accelerazioni e nell’intesa con Icardi, ancora limitata a qualche segnale. Ecco il derby può segnare la svolta da questo punto di vista. Il Ninja ci arriverà carico, anche perché ama le grandi sfide, ama la tensione e quel clima particolare, in cui riesce a calarsi alla perfezione. Tanto più che dopo la sfida con il Milan ci saranno il Barcellona e poi la Lazio, che, probabilmente, nell’animo resta ancora il “suo” derby. 
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy