Scontri Inter-Napoli, torna libero un ultras nerazzurro: le motivazioni del GIP

Scontri Inter-Napoli, torna libero un ultras nerazzurro: le motivazioni del GIP

La Gazzetta dello Sport torna sulla vicenda

di Daniele Vitiello, @DanViti

Arrivano nuovi sviluppi sulla vicenda degli scontri a margine di Inter-Napoli dello scorso 26 dicembre. “Torna libero l’ultrà dell’Inter Luca Da Ros. Il gip di Milano Guido Salvini ha revocato gli arresti domiciliari al 21enne tifoso nerazzurro, uno dei 6 arrestati dopo gli scontri del 26 dicembre, prima di Inter-Napoli, nei quali è morto il capo ultrà del Varese Daniele Belardinelli. Per il gip, Da Ros «è pienamente distaccato dall’ambiente in cui i fatti sono avvenuti e nei quali ha avuto un ruolo secondario». Non solo: la libertà gli è stata concessa perché «nel corso di una pluralità di interrogatori ha dato un significativo contributo alle indagini, consentendo di ricostruire per quanto a sua conoscenza lo scenario degli eventi». In carcere restano i due capi ultrà della Curva Nord nerazzurra Marco Piovella e Nino Ciccarelli, gli altri due tifosi interisti Francesco Baj e Simone Tira e l’ultrà del Varese Alessandro Martinoli. Per tutti (anche Da Ros) il 3 aprile ci sarà il processo immediato per rissa aggravata, richiesto dai pm e concesso dal gip Salvini. Proseguono, invece, le indagini per ricostruire la dinamica degli scontri che hanno portato alla morte di Belardinelli”, scrive la Gazzetta dello Sport.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy