Sky -Spalletti-Marotta? Processo di crescita. Tecnico non in discussione. L’Inter…

Sky -Spalletti-Marotta? Processo di crescita. Tecnico non in discussione. L’Inter…

Il giornalista esperto di mercato ha detto la sua sul botta e risposta a distanza su alcune questioni tra il dirigente e l’allenatore

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Luca Marchetti, noto giornalista di Skysport ed esperto di mercato, ha parlato del botta e risposta tra Marotta e Spalletti tra il rinnovo di Icardi e questo ha sottolineato: «Frecciatine? E’ evidente che ci sono delle cose da chiarire, anche nella gestione e nella visione diversa rispetto ad alcuni casi, come questo o quello di Perisic, anche sulla figura stessa dell’allenatore. Il processo di crescita di una società passano da questo tipo di scontri anche e non necessariamente portano ad una frattura. Basta ricordare è all’Inter dal 2016, Marotta è arrivato da due mesi, ma per costruire una società che non fa errori e ha una visione comune serve tempo e serve conoscersi anche attraverso certi scontri».

L’ARRIVO DI MAROTTA – «Arriva un dirigente nuovo trova un allenatore che non ha scelto lui ed è quindi un rapporto che si sta costruendo, non so com’erano i rapporti prima ma Spalletti quando parla ha sempre un obiettivo, spesso difende il suo lavoro e la squadra e cerca di dare lui per primo l’esempio in situazioni in cui ha le idee chiare, non è un allenatore che si nasconde, porta pubblicamente le sue idee. Marotta ha esperienza e ha ammorbidito anche questa volta la situazione», ha spiegato il giornalista.

IL FUTURO DI SPALLETTI – «Poi non so se resta Spalletti all’Inter anche nella prossima stagione, dipende tutto dai risultati: l’allenatore toscano non è stato in discussione neanche quando c’era la crisi della squadra. C’erano nomi come quello di Conte ma a noi non è mai risultato che fosse a Milano per l’Inter, ma solo per coincidenze», ha sottolineato ancora.

I MOMENTI – «Ci sono state diverse punzecchiature tra i due ma perché entrambi esprimono il loro punto di vista. Nel processo di costruzione di un team serve tempo per dare delle direttive. L’allenatore nerazzurro quando parla esprime la sua posizione, ma ovviamente non vuole andare contro la dirigenza, sarebbe una strategia suicida in questo momento, dice quello che pensa e apre delle discussioni, ma non è contro la società», ha concluso Marchetti.

(Fonte: SS24)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy