FCIN1908 Scouting – L’Ajax scopre Brobbey, il ‘mini-Lukaku’: Inter, ecco perché si può

La rubrica sui migliori giovani del panorama internazionale curata da Fcinter1908: oggi presentiamo Brian Brobbey

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

In un calcio dove sempre più giovani riescono a imporsi e a far innamorare i propri tifosi, con le più grandi società pronte a sfidarsi a suon di milioni per accapararsi i migliori, Fcinter1908 vi propone ogni settimana un talento diverso, con un occhio di riguardo per i giovani di casa nerazzurra.

Un gol all’esordio, proprio come Johan Cruyff, Marco Van Basten e Patrick Kluivert. Una garanzia di successo. L’Ajax scopre un altro baby prodigio, formatosi in un’accademia che continua a produrre stelline pronte a misurarsi con il calcio internazionale. L’ultimo di questi è proprio Brian Brobbey, 18enne attaccante nato ad Amsterdam ma di origini ghanesi. Il 31 ottobre scorso, ‘Brobbeast‘ – soprannome legato alla sua fisicità imponente – ha debuttato con la maglia della prima squadra entrando al posto di Lassina Traoré ed è subito andato in gol nel 5-2 finale sul Fortuna Sittard. Sono bastati appena otto minuti al giovane attaccante per siglare la prima rete: subentrato al 66′, al 74′ ha battuto il portiere avversario con un tap-in vincente da pochi passi.

PRODOTTO AJAX – La sensazione è che quello realizzato contro il Fortuna Sittard sia il primo di una lunga serie in una carriera in cui Brobbey si toglierà grandi soddisfazioni. Le qualità e il tempo sono assolutamente dalla sua parte. Nato in una famiglia di calciatori, con i tre fratelli maggiori in giro per il mondo (Samuel è svincolato, Kevin Luckassen è in Romania al Viitorul Constanta e Derrick Luckassen gioca in Turchia, al Kasimpasa), Brian è entrato a far parte del settore giovanile dell’Ajax all’età di 8 anni, nel 2010. Da lì è iniziato un lungo percorso che lo ha portato fino alla chiamata di Ten Hag con i ‘grandi‘. E l’Italia si è già accorta di lui, a spese della formazione Under 17: in occasione della finale dell’Europeo di categoria, giocata a Dublino a maggio 2019, Brobbey ha realizzato nel finale la rete del 2-2, che ha permesso agli ‘Oranje‘ di pareggiare i conti, prima di conquistare il trofeo ai danni degli Azzurrini ai calci di rigore.

Getty Images

MINI-LUKAKU – “All’Ajax c’è sempre pressione, quindi ci sono abituato. Fortunatamente, sono un ragazzo che sa gestirla bene” ha dichiarato Brobbey in un’intervista rilasciata al portale Goal. Le sue qualità di implacabile realizzatore e la sue doti fisiche hanno portato ben presto al paragone con Romelu Lukaku. “Sì, ho sentito spesso questo paragone. Io sono solo il nuovo Brian Brobbey, non il nuovo Lukaku – ha detto l’attaccante in una a ELF VoetbalLo ammiro sempre. Mi piace come difende la palla ma soprattutto perché Lukaku è molto bravo“. Ma il vero idolo di Brobbey è un altro: “Preferisco guardare Klas-Jan Huntelaar. Lui è così bravo. Klaas-Jan può tirare perfettamente sia con il sinistro che con il destro“.

COMPLETO – Cannoniere implacabile, dotato di forza fisica e qualità tecniche, ma anche molto forte nel gioco aereo e in possesso di grande dinamismo oltre al sapere attaccare gli spazi. Brian Brobbey ha appena 18 anni ma ha già dimostrato di avere tutte le carte in regola per poter recitare un ruolo di protagonista a livello internazionale nei prossimi anni. “La mia giornata parte con un frutto e un bicchiere d’acqua. Poi mangio un sacco di avocado e verdure. E alla sera broccoli con patate. Questo è ciò che ti rende forte” ha svelato ‘Brobbeast‘ ai microfoni del portale Ajax1. A soli 18 anni, l’attaccante dell’Ajax ha ben in mente cosa fare per raggiungere il suo obiettivo: diventare il migliore.

Getty Images

FUTURO E FATTORE – I gol e le qualità di Brobbey hanno attirato le attenzioni di molti top club europei, tra cui il Real Madrid, il Manchester United e l’Arsenal. “Preferirei andare in Germania, perché penso che la Bundesliga si adatti meglio al mio gioco. Proprio come all’Ajax, i giovani talenti hanno davvero delle possibilità lì. In Inghilterra invece viene acquistato un nuovo giocatore se le cose non vanno bene, piuttosto che aspettare che si adattino i nuovi arrivati” ha aggiunto ai microfoni di Goal. Il contratto in scadenza il prossimo 30 giugno rappresenta un pericolo con l’Ajax, che rischia di perdere il suo gioiello e continua a trattare con Raiola il rinnovo. Il futuro di Brobbey resta tutto da scrivere. E chissà che la strada del ‘mini-Lukaku‘ non possa incrociarsi con l’Inter, che potrebbe sfruttare i buoni rapporti con il super procuratore italo-olandese, agente dei nerazzurri De Vrij Pinamonti, per battere una concorrenza agguerrita e aggiudicarsi uno dei talenti più puri del panorama internazionale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy