Icardi-Juve, discorso congelato: Marotta non ha gradito una cosa. E l’Inter dà un chiaro avviso

Icardi-Juve, discorso congelato: Marotta non ha gradito una cosa. E l’Inter dà un chiaro avviso

Il mercato degli attaccanti è strettamente legato al futuro dell’argentino

di Marco Astori, @MarcoAstori_

Il mercato degli attaccanti è e resta legato al futuro di Mauro Icardi, fuori dal progetto tecnico dell’Inter e conteso tra Roma, Napoli e Juventus. Ma, secondo quanto riporta Tuttosport, per arrivare all’argentino sarà necessario soddisfare le richieste dei nerazzurri: “Nonostante sia fuori dal progetto, Mauro Icardi per l’Inter vale ancora 80 milioni. Un chiaro avviso a Juve, Roma e Napoli che da settimane aleggiano sull’attaccante nella convizione (sbagliata) di fare un affarone ai saldi di fine estate. Suning non svende l’argentino, nonostante sia ai margini del progetto Conte. Pesano nella valutazione che dà l’Inter del cartellino i 26 anni di Icardi e i 124 gol segnati in nerazzurro oltre, naturalmente, a un contratto in scadenza nel 2021. Posizione di intransigenza che è del tutto simile a quella della Roma su Edin Dzeko. Roma che non si è mai discostata da una valutazione di 20 milioni per il centravanti nonostante il suo contratto vada in scadenza a giugno e il club corra il serio rischio di perdere a zero il giocatore.

Con il passare delle settimane è emersa anche una necessità tecnica nella trattativa, considerato che Fonseca non può certo avallare la cessione di Dzeko senza che preventivamente sia arrivato un suo sostituto. Per tutt’altri motivi è congelato fino a nuovo ordine ogni discorso con la Juventus, anche alla luce del fatto che Beppe Marotta non ha per nulla gradito il tentativo di sorpasso, poi fallito, su Lukaku. Chiaro è che per sbrogliare la matassa Icardi non ci sono tante strade da percorrere: la prima porta proprio a Torino, considerato che la Juve è la destinazione più gradita al giocatore e a un possibile scambio con Paulo Dybala. Seconda opzione – quella, ovviamente, caldeggiata dall’Inter – porta a una joint-venture con la Roma avente come pedina di scambio Dzeko, ma qui le controindicazioni sono rappresentate dalla volontà, da parte di Icardi, di aspettare la Juve e pure dal valore che la Roma dà al cartellino di Icardi, 60 milioni, ovvero venti in meno rispetto a quanti ne vuole Suning”, conclude il quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy