Inter, Icardi ma non solo: maxi-tesoretto dagli esuberi. Kulusevski subito. E per giugno…

Inter, Icardi ma non solo: maxi-tesoretto dagli esuberi. Kulusevski subito. E per giugno…

I nerazzurri studiano il piano per il mercato di gennaio e lavorano già in vista della prossima estate

di RedazioneFC1908

Un maxi tesoretto, in arrivo dai calciatori in prestito, da poter investire per accontentare Antonio Conte e arrivare ai rinforzi a lui tanto cari. L’Inter inizia a fare i conti e si sfrega le mani: tenendo in considerazione il costo dei cartellini – e, dunque, non gli ingaggi – si sfiora quota 150 milioni di euro. “Nell’ultimo fixing spicca Mauro Icardi con i 70 milioni di riscatto pattuiti con il Psg; poi ci sono Gabigol (25 milioni), Perisic (20), Joao Mario (18) e Nainggolan (15)”. La stima è per difetto” scrive La Gazzetta dello Sport.

I rischi a cui si è esposto il club nerazzurro la scorsa estate, con investimenti importanti e le cessioni in prestito con diritto di riscatto e dunque operazioni senza certezze, oggi non preoccupano più. Conte sta valorizzando l’intera rosa e coloro che stanno giocando lontano da Milano stanno facendo bene.

Il rendimento straordinario di Mauro Icardi – autore di 10 reti e un assist in 12 partite tra Ligue 1 e Champions League – rende verosimile il riscatto del PSG, così come quelli di Perisic al Bayern Monaco e Joao Mario alla Lokomotiv Mosca. Discorso diverso per Radja Nainggolan, eletto ieri miglior calciatore della Serie A del mese di novembre: il belga sta tornando al top nella sua Cagliari, con l’Inter che spera di ricevere nuove offerte – magari dall’estero – per lui la prossima estate e incassare una cifra superiore ai 15 milioni. L’unica situazione che avrà sviluppi a breve è quella di Gabigol. Il club nerazzurro e il Flamengo hanno raggiunto l’accordo, ma il club brasiliano non ha ancora trovato l’intesa con il calciatore: ballano due milioni tra l’offerta di 4 e la richiesta di 6.

Giocatori di prospettiva e non soluzioni momentanee. Beppe Marotta ha le idee chiare in vista di gennaio e intende condividerle con Antonio Conte. Il nome che mette d’accordo è quello di Dejan Kulusevski, centrocampista svedese di proprietà dell’Atalanta e in prestito al Parma. Il prezzo (40 milioni) e la concorrenza della Juventus e di club di Premier League non spaventano l’Inter, che potrebbe averlo sia subito che a giugno.

Intanto torna di moda l’idea Sergej Milinkovic-Savic, valutato dalla Lazio 80 milioni di euro, mentre – alla luce dei problemi fisici di Asamoah – è concreta la possibilità di arrivare a Emerson Palmieri, in scadenza con il Chelsea nel 2022 e già allenato da Conte proprio in occasione dell’esperienza sulla panchina dei Blues.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy