Juve-Inter in chiaro resterà un sogno per i tifosi: ecco perché non si farà. A meno che…

Juve-Inter in chiaro resterà un sogno per i tifosi: ecco perché non si farà. A meno che…

Juventus-Inter visibile a tutti, per ragioni di pubblica necessità: era l’offerta di Sky. Una bella idea, davvero. Ma praticamente irrealizzabile

di Redazione1908

Juventus-Inter non andrà in chiaro. Ci vorrebbe un miracolo, un decreto d’urgenza del governo. Racconta la Gazzetta dello Sport.

“Juventus-Inter visibile a tutti, per ragioni di pubblica necessità: era l’offerta di Sky. Una bella idea, davvero. Ma praticamente irrealizzabile. A meno che non si volesse derogare a una legge dello stato. Dunque, Juventus-Inter allo Stadium quasi certamente non la vedrà nessuno, e in tv con la stessa probabilità la vedranno solo gli abbonati Sky. Come da calendario, come da spartizione dei big-match con Dazn, come – soprattutto – prevede la legge Melandri, il testo che disciplina la commercializzazione dei diritti televisivi del calcio. In chiaro, non è previsto, il diritto in chiaro non è mai andato a bando: questa la posizione della Lega di A, chiamata in causa dal ministro dello Sport Spadafora, che evidentemente in cuor suo avrebbe abbracciato l’iniziativa. «Sono decisioni che deve prendere la Lega. Non entro in scelte autonome del mondo del calcio. Quello che abbiamo disposto è la necessità di salvaguardare la salute».

Perché è impossibile

La Lega, da sola, non ha il potere di derogare alla legge Melandri, che non prevede la trasmissione in chiaro delle partite di Serie A, né di «preferire» un operatore agli altri. Probabilmente sarebbe necessario un intervento legislativo, come invocava ieri il Codacons. «Il governo faccia un decreto ad hoc». Il decreto non è arrivato e difficilmente arriverà. Si potrebbe pronunciare l’Antitrust in merito, ma i tempi sono stretti e l’impressione è che nessuno, qui, voglia prendersi da solo tutta questa responsabilità.

(Gazzetta dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy