Murillo: “In estate l’intenzione era di lasciare l’Inter. Perché? Quando non…”

Murillo: “In estate l’intenzione era di lasciare l’Inter. Perché? Quando non…”

In una lunga intervista concessa a AS, Jeison Murillo ha ripercorso le tappe più importanti della sua carriera

di Gianni Pampinella

In una lunga intervista concessa a AS, Jeison Murillo ha ripercorso le tappe più importanti della sua carriera. Il colombiano spiega anche la decisione di lasciare l’Inter in estate per sposare il progetto del Valencia: “Fare ciò che ti piace e essere pagato è qualcosa che di molto bello. Si direbbe che essere un calciatore in Sud America è forse il migliore. È la passione“.

Quali difficoltà ho avuto?

I soliti che molte famiglie hanno. La cosa peggiore era spostarsi per andare ad allenarsi o giocare. Era complicato. Lo sforzo dei miei genitori lo tengo sempre a mente. Senza il loro sacrificio e quello dei miei fratelli, non sarei qui.

E ‘per questo che ti chiamano sempre prima delle partite?

Prima e dopo sì. Ho bisogno della loro benedizione. Quella dei miei genitori e di mia moglie.

Chi, oltre alla sua famiglia, ti ha influenzato nella tua formazione?

Ho iniziato all’Andrés Sanín School, una squadra satellite del Deportivo Cali. Avevo circa 7 anni. Lì ho lavorato con il professor Prudencio Viveros. Pochi mesi dopo sono andato ad allenarmi con José Américo Orbes, che purtroppo è già scomparso. Era uno dei migliori allenatori di bambini in Colombia. Ha basato il suo metodo sulla crescita prima come essere umano e poi come calciatore.

Hai giocato sempre difesa?

Ho iniziato a giocare come portiere, ma presto mi hanno messo in difesa. Hanno visto che avevo le virtù di un guerriero, di essere forte, impulsivo e mi hanno messo al centro.

I tuoi riferimenti?

Da bambino non guardavo il calcio europeo, i miei riferimenti erano locali: Yepes, Perea, Córdoba.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy