Nuovo San Siro, il Comune sconfessa il progetto di Inter e Milan: trattativa difficile, si rafforza l’ipotesi…

Nuovo San Siro, il Comune sconfessa il progetto di Inter e Milan: trattativa difficile, si rafforza l’ipotesi…

Inter e Milan deluse, ora l’ipotesi Sesto si fa sempre più concreta

di RedazioneFC1908
Stadio, Inter e Milan puntano sui cittadini

Si fa sempre più complicato il percorso verso la costruzione del nuovo stadio San Siro. La delibera del pubblico interesse della Giunta del Comune di Milano, secondo le indicazione del Consiglio comunale, ha spiazzato Milan e Inter, che non si aspettavano tanta rigidità sul ‘Meazza’. La proposta di abbatterlo per costruirne uno nuovo è stata rigettata dalla politica, che vuole salvarlo. Una decisione che non è in linea col progetto delle due società:  “I club si riservano di analizzare nel dettaglio l’atto e valutare se le condizioni poste siano compatibili con la fattibilità e la sostenibilità economica del progetto“.

Come riferisce la Gazzetta dello Sport, il progetto di Milan e Inter sfrutta la legge sugli stadi, che permette di arrivare a cubature maggiori. Per costruire uno stadio da 650 milioni di euro c’è bisogno di una parte commerciale importante, sulla quale i due club stanno spingendo da tempo con opere come spazi commerciali, uffici, hotel. “Tenere in piedi un Meazza misto, impianto sportivo e zona commerciale, è uno scoglio forse troppo alto“.

A preoccupare, inoltre, è il clima rigido con il Comune di Milano: difficile pensare a una trattativa tra i club e la Giunta per trovare un’intesa che possa accontentare tutti. Ecco che il piano B a Sesto San Giovanni si rafforza. Milan e Inter ci stanno lavorando: l’ipotesi di costruire lì il nuovo stadio diventa sempre più concreta. Ora, infatti, non rappresenta solamente un’alternativa per ‘spaventare’ Sala, ma l’opportunità più concreta per realizzare il nuovo impianto e le strutture commerciali previste nel progetto dei club.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy