Repubblica – Inter stufa del blocco croato: addio Modric? Conte vuole i nerazzurri: ha deciso che…

Continua a circolare, in orbita Inter, il nome di Antonio Conte come prossimo allenatore

di Redazione1908

Il blocco croato, in casa Inter, sarà un lontano ricordo il prossimo anno. Ne è convinta Repubblica, secondo cui i nerazzurri potrebbero indietreggiare anche su Luka Modric, il cui acquisto era stato caldeggiato proprio dai suoi compagni di Nazionale.

“Nell’undici croato c’erano tre interisti: Perisic e Brozovic più il nuovo arrivo Vrsaljko. E poco dopo iniziò a delinearsi il sogno del poker con il corteggiamento a Modric. Un colpo sfumato, ma solo per essere accantonato di un anno nella versione dell’Inter sempre più croata. L’equazione sembrava facile: una squadra, con tre titolari di una Nazionale così forte, farà benissimo. Non è andata così.

Di sicuro, al via della prossima stagione, la colonia croata della Pinetina sarà un ricordo, con la conseguenza di un possibile raffreddamento nella caccia a Modric. Vrsaljko, dolorante al ginocchio, potrebbe decidere di operarsi, determinando di fatto il suo ritorno anticipato all’Atletico. Perisic è sempre più vicino ai saluti: ieri nuovo confronto tra giocatore e dirigenza interista. Ma è necessario che l’Arsenal passi dal diritto all’obbligo di riscatto.

Resta Brozovic che sta attraversando un periodo negativo. Ma potrebbe essere proprio il rendimento del centrocampista a trarre giovamento della partenza dei due connazionali. In casa Inter iniziava a essere visto come un problema, e non più coma una risorsa, questo gruppo croato. Una calamita di indolenza non certo benefica per l’ambiente”.

LA VOCE CONTE – “E l’ultima sconfitta col Torino alimenta un clima nel quale continua ad aleggiare il nome di Conte al posto di Spalletti sulla panchina dell’Inter 2019-20. Il primo nome è quello dell’ex ct, il quale a sua volta ha deciso di mettere il club di Marotta in cima al suo gradimento”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy