Spalletti cronista tra i cronisti: mai la quinta così in alto. E tira fuori la tabella…

L’allenatore nerazzurro si è portato in conferenza stampa un foglio con gli appunti sulle classifiche dopo 13 gare delle ultime sei stagioni

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Partita dopo partita senza voli pindarici, ma con la consapevolezza di chi sa che sta lottando per restare lì in alto. Luciano Spalletti ha parlato della sua Inter nella conferenza stampa che precede la gara in trasferta, si gioca domani sera alle 20.45, contro il Cagliari. Per far capire l’importanza del percorso nerazzurro si è riferito alla classifica, a quanto sia comunque difficile restare incollati lassù, dato che ci sono tante squadre in lizza per i primi posti: il campionato è diventato più competitivo e ci sono diverse formazioni in pochi punti.

LA TABELLAAbbiamo a che fare con squadre che vogliono fare dei record. Siamo protagonisti in un’alta classifica che è cortissima. Se si guardano gli ultimi sei anni diventa tutto più facile. Classifica corta ad altissima quota. Fino a 5-6 anni indietro la quinta aveva massimo 25 punti, ora è insieme a noi…. L’allenatore si è riferito ad una vera e propria tabella di marcia. Si è appuntato su un foglio il rendimento delle prime squadre in classifica negli ultimi sei campionati e lo ha portato come pro memoria in conferenza stampa. Ecco la foto degli appunti del mister:

spallettiTAB

La sua Inter sta facendo chiaramente meglio dell’anno scorso: ha collezionato 33 punti ed è seconda in classifica dietro al Napoli a solo due punti di distanza, ma dietro c’è la Juventus a meno due e a meno tre la Roma che ha ancora una gara, quella contro la Samp, da recuperare. L’anno scorso i nerazzurri a questo punto della stagione non erano neanche tra le prime sei e i bianconeri dopo tredici giornate erano già a più sette sulla (sua) Roma. Nella stagione 2015-2016, con Mancini in panchina Icardi e compagni erano primi in classifica a 30 punti (meno tre rispetto a quest’anno), poi si sono piazzati quarti. Quella posizione quest’anno starebbe a significare che l’obiettivo Champions è stato raggiunto, ma la stagione è ancora lunga, può succedere ancora di tutto e forse non ha senso rinunciare a puntare in alto in partenza. “I nostri calciatori sanno il nostro obiettivo, noi dobbiamo avere delle ambizioni però bisogna essere costanti. E noi si vuole arrivare al punto oltre il quale non si può tornare indietro. Serve un passo da squadra forte”, ha concluso sull’argomento mister Spalletti.

(Fonte: FCINTER1908.IT, dalla Pinetina Sabine Bertagna)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy