Thohir saluta, Suning no: ecco il progetto futuro per l’Inter. E il fondo di Hong Kong…

Thohir saluta, Suning no: ecco il progetto futuro per l’Inter. E il fondo di Hong Kong…

Il tycoon indonesiano è destinato a salutare entro un mese

di Matteo Pifferi, @Pifferii

“Steven Zhang cambia il compagno di viaggio nell’Inter. Dopo cinque anni e due mesi stavolta è davvero al capolinea l’avventura di Erick Thohir: l’indonesiano è infatti sul punto di cedere il 31,05% per cento del club ancora in suo possesso a un fondo d’investimento privato con sede ad Hong Kong, che dunque affiancherà Suning nella gestione del club”. Apre così l’articolo de La Gazzetta dello Sport in merito alle trattative per l’uscita di scena definitiva di Thohir, al cui posto subentrerà un fondo di Hong Kong che pagherebbe 150 mln – sarebbe questa la cifra dell’accordo – per il 31,05% dell’Inter.

TEMPI TECNICI – Le trattative, appunto, vanno avanti da mesi e ad ottobre ci sarebbe stato uno degli incontri più significativi tra Suning e Thohir. Ora, prima dell’annuncio ufficiale, occorre aspettare alcuni passaggi obbligati – tra questi, la convocazione di un CdA – e si potrebbe slittare a metà febbraio. “Il fondo d’investimento sarebbe molto vicino alla famiglia Zhang, che una volta valutata e scartata l’idea di rilevare in prima persona il restante 31,05% del club, avrebbe poi favorito il contatto e la trattativa tra Thohir e il fondo. Non sfugga un particolare: a inizio ottobre, proprio prima dell’incontro di Hong Kong, Thohir si sarebbe dimesso da amministratore unico della International Sports Capital, il veicolo italiano attraverso cui controllava la partecipazione nell’Inter. Al comando della società sarebbe approdato un consiglio direttivo composto dallo stesso Thohir, l’ex consigliere nerazzurro Isenta Hioe e la Wilkie Road Limited, una società di diritto con sede nelle Isole Vergini. Probabile che sia stata una mossa preparatoria al passaggio di quote oggi in dirittura”, spiega la Gazzetta dello Sport che illustra anche il nuovo scenario: Zhang ha un progetto pluriennale con l’Inter ma il nuovo socio intravede, nei nerazzurri, margini di crescita – anche per lo stadio – e quindi fonte di guadagno ma non necessariamente è sinonimo di scalata per avere maggiori quote nel club.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy