Inter, Vidal a Madrid da leader: vuole un poker da record, due richieste di Conte. Nel 2015…

Con l’assenza di Lukaku, il tecnico nerazzurro si affida al cileno per provare a sbancare stasera il Di Stefano di Valdebebas

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

Con il forfait di Romelu Lukaku, l’Inter affida il comando della spedizione in terra madrilena ad Arturo Vidal. Il cileno, che incarna perfettamente il ruolo di leader, dovrà guidare la squadra di Antonio Conte nella delicata trasferta di Madrid contro il Real nella gara del Di Stefano di Valdebebas. La sua esperienza comprovata in campo internazionale sarà fondamentale per superare le ‘Merengues‘ di Zidane, anche loro a caccia di punti dopo la sconfitta e il pari conquistati nei primi 180 minuti.

Più equilibratore che assaltatore. È questo che Antonio Conte chiede a Vidal, oltra alla classica ‘garra’ che lo ha sempre contraddistinto. Il cileno vuole portare a suo vantaggio il bilancio contro il Real Madrid, che per ora recita 4 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte nei 12 precedenti complessivi (4 con la Juve, 2 con il Bayern Monaco e 6 col Barcellona). Un perfetto equilibrio che il centrocampista nerazzurro vuole spezzare. Curiosamente, Vidal è riuscito a trovare il gol con tutte le maglie: se dovesse segnare con l’Inter, firmerebbe un incredibile poker.

Arturo Vidal, Genoa-Inter
Getty Images

E in passato il cileno sfiorò proprio la maglia del Real Madrid: il Corriere dello Sport rivela che nell’estate 2015, Ancelotti lo aveva indicato come rinforzo dopo essere stato eliminato in Champions League proprio dalla Juventus di Vidal, che però si trasferì al Bayern Monaco. Poi il doppio confronto nei quarti della Champions 2016/2017 e un sentimento di rivalità con il Real che è aumentato quando è passato al Barcellona. Ora un’altra occasione per far male alle ‘Merengues‘, questa volta da leader dell’Inter di Conte.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy