Inter-Partizan, voti a confronto: SuperHanda, male Silvestre, Guarìn che succede?

Inter-Partizan, voti a confronto: SuperHanda, male Silvestre, Guarìn che succede?

di Lorenzo Roca, @Lorinc74

Partita difficile quella di ieri sera con il Partizan, Stramaccioni l’aveva detto alla vigilia, in più l’infortunio di un brillantissimo Coutinho ha complicato ulteriormente le cose. Un superbo Handanovic e una combinazione argentina hanno alla fine fatto sorridere l’Inter, che ora può guardare ai futuri impegni di Europa League con maggiore serenità. Vediamo come i maggiori quotidiani nazionali hanno giudicato le prestazioni dei nerazzurri. Abbiamo preso in esame i due migliori e i due peggiori per ogni testata.

FCINTER1908

Handanovic 7: Un solo, vero tiro in porta: un miracolo. I grandissimi portieri si vedono da questo.

Juan 7: Non sbaglia un intervento che sia uno. Ormai è titolare inamovibile: l’unico che non fa turnover.

Silvestre 5: Costantemente in affanno, rischia di fare il patatrac nel primo tempo con quel fallo al limite. Poi, subito prima del gol di Palacio, lo scivolone che poteva costare carissimo. Macchinoso.

Guarin 5,5: Insolitamente farraginoso, sbaglia un’infinità di controlli e di passaggi. Non è al massimo della condizione e si vede.

GAZZETTA DELLO SPORT

Handanovic 7: Quando al 42’ s.t. evita l’inferno (parata su Wonder Markovic) e dalla stessa azione si avvia il paradiso (Palacio gol), ecco che è giusto dire ancora e ancora quanto segue: l’Inter, per il dopo Julio Cesar, ha preso il meglio. Inizio ovattato, ma poi ecco Batmanovic. Autentico uomo di ghiaccio.

Pereira 6,5: Salvataggio perfetto su S. Markovic al limite: ed è la dimostrazione che, nonostante il suo ambientamento

proceda con lentezza, è in crescita. Nel primo tempo, palla super a Coutinho.

Silvestre 5: Perché è sempre in affanno e in rincorsa? Rischia un rigore su Mitrovic (fallo fuori area), su palla di Jonathan tira una mozzarella in bocca a Petrovic. In ogni pericolo, slitta.

Guarìn 5: Cosa gli sta succedendo? Accompagna le proprie azioni più di foga che di cervello, è confusionario, imbambolato, non lucido come ad inizio stagione. Urge riposo, se si può.

CORRIERE DELLO SPORT

Handanovic 7: Prodigioso nel fermare Lazar Markovic e sull’onda arriva il gol di Palacio.

Palacio 7: Prima strozza il sinistro davanti a Petrovic, ma si riscatta con il sigillo della vittoria. Seconda rete consecutiva, la

quarta in nerazzurro

Silvestre 4,5: Un disastro. Sbaglia tempo e misura di ogni intervento, fino alla clamorosa scivolata che apre una voragine davanti ad Handanovic. Almeno nel Catania e nel Palermo segnava qualche gol.

Guarìn 5: Solo tanta confusione. Non gli manca la corsa, ma lucidità e precisione. Innumerevoli i suoi passaggi errati.

CORRIERE DELLA SERA

Handanovic 7: Vive momenti di autentico terrore soprattutto a metà del primo tempo, quando nella sua area succede di tutto. I serbi, però, tirano poco e male e quando tirano bene (Markovic, 23’ p.t.) ci pensa il palo. Al 42’ s.t. fa un miracolo su Markovic e, sul contropiede, l’Inter passa. In pratica, decide la partita.

Pereira 6,5: Confeziona una palla gol in avvio per Coutinho, stoppa col piedone benedetto un contropiede avversario che sembrava avviato a felice conclusione. È sempre presente.

Silvestre 4,5: Deve avere qualche pensiero che lo tormenta, che lo blocca, perché si muove con evidente difficoltà. Al 32’

rischia di mandare l’Inter sott’acqua allungando il braccio per stendere Ilic lanciato verso Handanovic. Rimedia un giallo e

ringrazia l’assistente: l’arbitro aveva visto il fallo dentro l’area. Nella ripresa, servito da Jonathan, passa al portiere la palla del possibile 1-0.

Guarìn 5,5: Ha buone idee, ma non riesce a concretizzarne una. Perde consistenza col passare dei minuti.

IL GIORNALE

Handanovic 7: Forse devia con la manona sinistra sul palo il destro a giro di Markovic. Di sicuro chiude lo specchio al talento serbo solo in galoppata trionfale verso la sua porta.

Cambiasso 6,5: Ha diverse funzioni e specializzazioni e Strama ci pesca a piene mani. Serve uno dietro: ecco Cambiasso. Adesso serve in mezzo: ecco Cambiasso. Momento di forma strepitoso: al 7′ del primo tempo chiude in scivolata e di interno collo una palla che avrebbe raggiunto Mitrovic mettendolo solo davanti ad Handanovic.

Silvestre 5,5: Era partito bene, non forte, ma sembrava sicuro. Poi ha iniziato a riprendere la vecchia parte fino al 33′ quando cintura il bisonte Mitrovic al limite dell’area.Chiude la sua prestazione con un piattone in area serba che doveva entrare in porta, incredibile occasione.

Guarìn 5,5: Migliora con dei compagni più solidi ai fianchi. Ma non entra mai nel tabellino della partita.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy