Ibra: “Scudetto? Gli obiettivi servono. Le rivali? Alcune non al top. Tra me e Ronaldo…”

Il giocatore rossonero ha parlato dopo il pareggio contro il Verona e si è soffermato sugli obiettivi del suo Milan

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

«Se credo nello scudetto? Prima dell’inizio del campionato servono degli obiettivi, durante anche. Non giochiamo solo perché è divertente, giochiamo per gli obiettivi, non entriamo nel campo solo per divertirci, ma per gli obiettivi. Almeno queste sono la mia filosofia e la mia mentalità». Zlatan Ibrahimovic ha parlato dopo il pareggio con il Verona e si è soffermato sugli obiettivi suoi e del Milan.

Getty Images

Poi ha risposto anche ad altre domande e ci ha messo come al solito tutta l’ironia di cui è capace: « Il mister dice quanti minuti devo giocare. L’Europa League è complicata, giocare giovedì è complicato. Sono un professionista e voglio giocare. Potevo non giocare più e invece posso. E sono contento. Cosa pensi dei difensori italiani? Ibra è più forte. Vedo che diverse squadre sono più forte come Verona e Atalanta che prima non giocavano così. Adesso più squadre lottano, prima c’erano altre squadre. Il campionato è sempre stato bello, in Italia è sempre il più difficile. Se sono più forte io o Ronaldo? Decidi te. Più palloni d’oro? Non mi disturba, non mi serve questa cosa per dire che sono più forte. Io cerco di fare del mio meglio per me e i miei compagni. La rivale per lo scudetto? In questo campionato lottano in tante, siamo all’inizio. qualche squadra non è al top, l’agenda è impegnativa. Chi starà meglio fisicamente lotterà fino in fondo. Se rinnovo il contratto? Dopo oggi mi sa che siamo messi male… Li farò tirare a Kessie». 

(Fonte: Skysport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy