le rivali

Nicola: “Spalletti non è stato obiettivo? Non si può dire sempre quello che si pensa”

Nella sala stampa dello stadio del Crotone è nata una piccola polemica su quanto detto da Spalletti dopo la partita e l'allenatore ha risposto così

Eva A. Provenzano

Non bisogna girare attorno alle cose, bisogna invece essere particolarmente fiduciosi perché credo che questi ragazzi possano migliorare se lavorano così, bisogna avere estrema fiducia in loro”. Davide Nicola, dopo la sconfitta contro l’Inter, ha parlato nella sala stampa dell’E. Scida con i giornalisti presenti ed è nata una piccola polemica su Spalletti che l’allenatore del Crotone ha spento in un attimo:

-Ha detto di avere stima di Spalletti, ma lui ci è sembrato un po’ pesante, arrogante, ha detto che l’Inter ha meritato di vincere. Io non sono d’accordo, lei?

Tutto quello che viene detto non deve per forza far arrabbiare. Essere obiettivi? Bisogna essere coscienti del fatto che il Crotone ha fatto la sua partita e in molti numeri è stato superiore all’Inter che ha qualità e riesce a fare gol anche con poche occasioni. Il merito non è in funzione dei dati sommati in una media, devi fare gol e noi non siamo ancora abili a farlo, arriveremo a farlo. Comprendo Luciano, ad allenare il Crotone ci sono delle difficoltà, ad allenare l’Inter si è costantemente attaccati, quindi è anche giusto che non sempre si dica ciò che si pensa.

-Il Crotone ha la dimensione per stare in Serie A e non è da tutte le provinciali…

Tutte vogliono raccogliere punti ovunque. Mi soffermo sul fatto che oggi noi, non mi servono i numeri, abbiamo corso meglio di Cagliari, siamo stati più squadra, abbiamo fatto un netto passo in avanti. Siamo alla quarta partita, potrei mandare gente allo sbaraglio, ma ci sono giocatori che rientrano dagli infortuni e giocatori che arrivano da campionati diversi e vanno integrati. Chi sta giocando ad oggi sta dimostrando una conoscenza tattica del campionato italiano. Per il nostro gioco cambia avere un calciatore capace di giocare tra le linee. Sono contento della partita, pensavo di poterla vincere fino all’80esimo, ma lo accetto perché l’Inter ha la capacità di fare gol e noi dobbiamo lavorarci. Bisogna avere fiducia delle persone con cui si lavora perché siamo tutti in divenire ed è gratificante avere fiducia di qualcuno, supportarlo e poi magari alla fine vinci.

(Fonte: FCINTER1908.IT, dallo Scida Davide Costante)

tutte le notizie di

Potresti esserti perso