Repubblica – Roma, congiura contro Totti e Di Francesco: anche Dzeko coinvolto, sarà cacciato

Repubblica – Roma, congiura contro Totti e Di Francesco: anche Dzeko coinvolto, sarà cacciato

Il clamoroso reportage di Repubblica sulla Roma ha risvolti anche sul mercato

di Redazione1908
Edin Dzeko obiettivo dell'Inter

La giornata di Roma e della Roma è stata scossa dal reportage di Repubblica, che parla di un’autentica congiura da parte di alcuni senatori contro Totti, Monchi e Di Francesco. “La mattina del 16 dicembre Ed Lippie, preparatore atletico e uomo di massima fiducia di Jim Pallotta, che ha appena lasciato dopo tre anni la Roma per tornare a Boston, si sistema di fronte al suo pc. Ha delle cose importanti da scrivere, che il suo presidente deve sapere. Una fronda, e che fronda, chiede tre teste: l’allenatore, il direttore sportivo, e Francesco Totti”, scrive Repubblica.

I “congiurati” sarebbero De Rossi, Kolarov, Dzeko e Manolas.

“L’ottavo re di Roma, il suo figlio prediletto, è mal tollerato — così scrive Lippie — da coloro a cui ha consegnato il testimone e che pubblicamente non smettono di celebrarlo. Le fonti di Lippie chiedono che l’ex “Capitano” venga allontanato da Trigoria se necessario cacciando Di Francesco cui Totti è legatissimo. E sostituendolo con qualcuno che lo tenga lontano. Ed Lippie svela quindi l’identità delle sue fonti. Sono il medico sociale Riccardo Del Vescovo e il fisioterapista Damiano Stefanini. Dopo il ko di Champions vengono accompagnati alla porta, insieme a Di Francesco e Monchi anche Del Vescovo e Stefanini. Nessuno fuori da Trigoria si chiede il perché, ci si accontenta della versione ufficiale, quella che li vuole responsabili dei troppi infortuni. Lo spogliatoio il perché lo conosce. E prende le difese di Stefanini, cui De Rossi è legatissimo (è una delle tre persone che il capitano citerà nella sua lettera di addio). I senatori si convincono che la pulizia abbia un mandante, Francesco Totti. E tra lui e De Rossi scende un gelo che durerà fino alla fine”.

E ora? “Lo spogliatoio sarà purgato dai congiurati. Arriverà un nuovo allenatore, un nuovo ds, nuovi medici e nuovi fisioterapisti. La domanda è se la città riuscirà a liberarsi dei suoi pifferai e dal suo eterno istinto cannibale”, chiude Repubblica. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy