Berti: “C’è un Nicola Berti nell’Inter attuale. Voglio gli ottavi, ricordo che Conte…”

Le parole dell’ex centrocampisat

di Matteo Pifferi, @Pifferii

Ospite di A Night not for Everyone su Inter TV, Nicola Berti ha parlato così di Inter-Barcellona:

“Pronostico? Sulla carta dovrebbe essere Inter. Hanno lasciato a casa Messi, Piqué. Però hanno una rosa paurosa, hanno dei ragazzini forti. Il problema potrebbe essere che questi giovani vogliono farsi notare. E’ una partita molta difficile. Andrò allo stadio, col PSV sono stato a casa per gufare il Tottenham ma è andata malissimo. Quest’anno mi devono portare agli ottavi di finale”.

IDOLO DEI TIFOSI – “Me ne rendo conto quando vado allo stadio, mi dedicano tifosi e abbracci. Un rapporto favoloso con i tifosi, sono sempre stati stupendi”.

UN NUOVO BERTI ALL’INTER – “N.B. Nicolò Barella, io ho fatto 3 anni a Firenze e lui 3 anni al Cagliari prima dell’Inter. Ha fatto un inizio di stagione straordinario. Ci mancherà sicuramente”.

GOL AL BAYERN O AL MILAN – “Scelgo il Bayern. Quello del derby fu particolare, feci un’esultanza particolare. Un gol decisivo, era il mio primo al Milan. Ma il gol al Bayern se lo ricordano tutti, anche i non interisti”.

MATTHAUS O BREHME – “Nel primo anno fu più decisivo Brehme, poi è uscito alla distanza Matthaus. Matthaus era geniale, un rompicoglioni simpaticamente ma era bravissimo. Gli voglio un bene dell’anima”.

COPPA UEFA ’90/’91 o ’93/’94 – “Sono in difficoltà, sono emozioni straordinarie. A Vienna pensavo di sognare, i tifosi hanno iniziato a cantare il mio nome. Emozioni fortissime”.

SAN SIRO O I CARAIBI – “San Siro tutta la vita. Le emozioni di San Siro sono uniche”.

INTER-BARCELLONA – “Qual è la difficoltà? Il Barcellona. Anche perché abbiamo l’obbligo di vincere. In mezzo al campo ci manca qualcosa ma Vecino e Borja Valero stanno facendo bene. Manca la giovinezza di Barella, Sensi, la voglia e la tecnica. I due attaccanti stanno facendo una stagione straordinaria. Voglio gli ottavi di finale. Stiamo andando molto bene in Campionato, quest’anno è divertente. Chi se lo sarebbe aspettato di essere avanti di due punti sulla Juve?. Nel girone di ritorno, con entusiasmo, si può lottare per lo Scudetto”.

CONTE – “E’ bello carico, carico, carico. In Nazionale era mio panchinaro (ride, ndr)”.

GODIN – “Nelle ultime partite è stato il migliore in campo. Grande Godin, lo adoro. C’è bisogno del suo carisma domani”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy