Biasin: “Icardi? Spalletti ora si deve mordere la lingua: viene prima l’Inter. A fine anno…”

Il giornalista ha detto la sua a QSVS

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Fabrizio Biasin, giornalista di Libero, è intervenuto durante il tg di QSVS e ha detto la sua sulla convocazione di Icardi dopo due mesi di stop dovuto alla decisione di togliergli la fascia e su quanto detto da Spalletti in conferenza stampa alla vigilia della gara col Genoa: «Diciamo che il pensiero di Spalletti lo abbiamo sentito l’altro giorno oggi ha cambiato opinione, su suggerimento di Marotta e ha fatto una cosa sensata, mettere davanti l’Inter a tutto quanto. Lui ha anche delle ragioni, tante ma in questo momento deve mordersi la lingua per arrivare in Champions League. Poi a fine anno si faranno i conti con tutti, con gli attaccanti che non si presentano agli allenamenti, con chi voleva andare via, ma a fine stagione».

-Per arrivare a questo ribaltamento di cose, c’è stata una nuova mediazione di Nicoletti?

No, devo dire che Icardi – che ha commesso tanti errori negli ultimi mesi – in questo ultimo periodo ha scelto il silenzio, ha fatto una cosa saggia, non ha risposto all’attacco frontale dell’allenatore. Si è allenato e ora si può cercare questa tregua, si cerca di fare il bene dell’Inter finalmente, parlare meno e fare i fatti. 

-Che Inter ti aspetti domani in campo, dal punto di vista dell’armonia, se si considera anche Perisic? 

Una mancata sintonia tra i due c’era probabilmente anche negli anni passati, ma insieme hanno portato bene all’Inter. Gli assist sono stati tanti e i gol pure, due professionisti possono non volersi bene fuori dal campo ma nessuno va contro l’altro sul terreno di gioco. Così come posso dire che Icardi va d’accordissimo con il resto del gruppo.

(Fonte: QSVS)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy