Conte tiene in standby la Roma, l’Inter va in sorpasso. L’ex Chelsea allettato da una prospettiva

L’ad dell’Inter sta cercando di convincere il tecnico

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Per Antonio Conte c’è anche l’Inter. Nonostante le continue dichiarazioni dell’ad Marotta sul futuro in nerazzurro di Luciano Spalletti, l’Inter c’è sull’ex tecnico del Chelsea ed è entrata in scena per portarlo a Milano.
“Antonio Conte torna in pole position nella lista di Marotta, che lo ha convocato per rassicurarlo. Una volta risolta la vicenda Spalletti, che tiene in ansia il padrone Zhang dall’alto di un contratto biennale che pesa tanto sul bilancio, gli darà ciò che chiede. Soldi e prospettive. Conte, che in questo periodo ascolta ogni approccio senza impegnarsi, ha essenzialmente ascoltato, ammettendo di essere tentato dalla prospettiva di rilanciare il derby d’Italia dalla parte interista. Del resto la Juventus, che anche per motivi familiari preferirebbe come destinazione, non si è ancora fatta avanti: a parte che Allegri sembra intenzionato a rimanere, come a più riprese ha detto ufficialmente, ma poi c’è da considerare il risentimento di Andrea Agnelli, che non ha dimenticato la rottura estiva del 2014, successiva al secondo scudetto”, si legge sul Corriere dello Sport.
“Era questa la ragione per cui Conte stava tenendo in sospeso la Roma. L’Inter gli può garantire una maggiore solidità in termini di progetto tecnico, almeno nel breve periodo, se non altro perché ha la certezza (quasi) di incassare i soldi della Champions. Il procedimento di liquidazione di Spalletti, che al gruppo Suning costerebbe 25 milioni lordi da qui al 2021, non è propriamente banale, ricordando il precedente dell’esonero russo: Spalletti rimase fino al 31 dicembre 2015 sotto contratto con lo Zenit, tenendo in sospeso proprio la Roma che lo voleva al posto di Garcia, per non rinunciare neppure a un rublo. A questi soldi andrebbero aggiunti i 9-10 milioni netti da pagare a Conte per il disturbo della sfida, più il mercato ambizioso che verrebbe di conseguenza. Ma una cosa va osservata in termini di logica: Marotta è appena arrivato all’Inter. Se non può scegliere in totale autonomia l’allenatore, per quale motivo è stato ingaggiato? Da qui la sensazione che l’Inter abbia messo la freccia, decisa. La Roma non è fuori ma deve registrare la situazione, che rimane incertissima. Le altre pretendenti che allontanerebbero definitivamente Conte da Trigoria per il momento hanno lanciato solo sondaggi esplorativi (Psg, Manchester United, Bayern Monaco) o anche meno, tipo la Juventus”, spiega il quotidiano.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy