Crespo: “Il mio no alla Juve dopo Calciopoli. Inter meglio del Milan, tra Icardi e Higuain…”

Crespo: “Il mio no alla Juve dopo Calciopoli. Inter meglio del Milan, tra Icardi e Higuain…”

L’argentino, doppio ex di Inter e Milan, ha parlato anche del derby

di Matteo Pifferi, @Pifferii

«Chi vorrei essere in questo momento tra Icardi e Higuain? Difficile scegliere, giocano per due società quasi nuove e due squadre in formazione». A rispondere così è Hernan Crespo, doppio ex di Inter e Milan in ottica derby in un’intervista concessa a La Stampa.

Chi è più avanti?
«L’Inter. Dopo 6 anni ha ritrovato la Champions, è partita bene, Suning lavora da più tempo di Elliott. Il Milan arriva da un periodo travagliato, con Leonardo e Maldini si comincia a ricreare un po’ di identità ma servirà qualche anno per tornare ai tempi d’oro».

Faccia il ct dell’Argentina: a chi darebbe la maglia n. 9?
«Dipende da come intendo giocare. L’esperienza di Kalinic insegna: simile a Icardi, nel Milan non ha funzionato, come André Silva. Higuain invece è l’ideale per gli schemi di Gattuso. Lo stesso vale per Mauro e l’Inter, gli esterni di Spalletti sono il miglior modo di servire un terminale micidiale come lui».

Lei somigliava di più al Pipita?
«In realtà ero un mix: sotto porta mi muovevo come Icardi ma partecipavo al gioco come Higuain».

La Juve è irraggiungibile?
«È in un’altra dimensione. Non vedo come possa perdere lo scudetto se non autoeliminandosi. E sarà così per altri 2-3 anni: l’ingaggio di Ronaldo fa capire la differenza».

Mai stato vicino alla Juve?
«Nel 2000, quando Tanzi preferì cedermi alla Lazio, ma ai bianconeri non andò male visto che presero Trezeguet. E dopo Calciopoli mi cercò Cobolli Gigli però scelsi di restare all’Inter». 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy