Inter-Ludogorets a porte chiuse. Queste le accortezze che precedono il fischio d’inizio

Inter-Ludogorets a porte chiuse. Queste le accortezze che precedono il fischio d’inizio

Ai giornalisti presenti al Meazza, quelli delle tv detentrici dei diritti della gara, hanno distribuito dei guanti. E i bambini…

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Porte chiuse e tante altre precauzioni. L’Inter alle 21 scenderà in campo nella gara di Europa League contro il Ludogorets. Gli avversari sono arrivati a Milano con tanto di mascherine per proteggersi dal Coronavirus e hanno scelto di portare in Italia un epidemiologo insieme alla squadra. Misure di prevenzione probabilmente un tantino esagerate, ma che evidentemente hanno fatto sentire più al sicuro i bulgari.

La misura delle porte chiuse è stata estesa anche ai giornalisti, tranne a quelli delle tv detentrici dei diritti della gara. A loro, soprattutto a chi lavora a bordo campo, sono stati distribuiti per precauzione dei guanti in lattice, come raccontato da Skysport. Inoltre i giocatori non scenderanno in campo accompagnati dai bambini. Non sarà sventolata neanche la bandiera dell’EL come succede prima di ogni partita delle competizioni europee. Circa 500 le persone che in tutto avranno accesso questa sera al Meazza.

(Fonte: SS24)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy