primo piano

Julio Cesar: “Quanti insulti da Mou per la mia ‘minaccia’. Durante la festa Inter gli dissi…”

Getty Images

In una lunga intervista a theplayerstribune.com., Julio Cesar racconta alcuni aneddoti dei suoi anni a Milano

Gianni Pampinella

La sua avventura in nerazzurro, il rapporto speciale con Mourinho, la Champions e tanti trionfi con la maglia dell'Inter. In una lunga intervista a theplayerstribune.com. Julio Cesar racconta alcuni aneddoti dei suoi anni a Milano. Il primo riguarda il campionato vinto nel 2009: "Avevamo trascorso una lunga stagione giocando, allenandoci, viaggiando, soggiornando in hotel lontano dalle nostre famiglie. Adesso eravamo finalmente campioni. Quindi, sai, avevamo in programma di andare a festeggiare come matti. È quello che fanno i campioni, giusto? Ma il nostro allenatore era l'unico e solo José Mourinho. E, beh, diciamo solo lo Special One aveva in mente un piano molto diverso!" 

""Ecco cosa è successo: sabato eravamo in albergo a Milano, domenica ci preparavamo a giocare contro il Siena. Sapevamo che se quella sera il Milan avesse perso contro l'Udinese, saremmo diventati campioni. Quindi stavamo tutti guardando la partita insieme. Quando il Milan ha perso, siamo impazziti. Dove andare? Facile. Abbiamo un posto chiamato Piazza del Duomo, che è la piazza principale di Milano. È qui che l'Inter festeggia i titoli con i tifosi. Ma quando ho parlato con Javier Zanetti, il nostro capitano, e alcuni altri giocatori, hanno detto che Mourinho non voleva che andassimo lì". 

"Mourinho voleva che ci riposassimo prima della partita col Siena. Non aveva senso! Avevamo vinto il titolo. Non avevamo altre competizioni da giocare. Poi ho capito che Mourinho voleva battere il record di vittorie in una stagione di Serie A, o qualcosa del genere. Quindi mi sono davvero arrabbiato. Ho detto Zanetti, “Noi dobbiamo andare in piazza. Ce lo meritiamo". Proprio in quel momento Mourinho mi passò davanti. Gridò: "Júlio César, perché non ci vai da solo?". Ho gridato: "Tutti vogliono andare. Hanno solo paura di dirtelo, ma io no".

"Mourinho continuava a camminare verso la sua stanza. Non avrei semplicemente accettato questo, quindi sono andato a cercarlo. Quando sono entrato nella sua stanza, l'ho seguito. Si sdraiò sul letto e gli dissi: "Guarda, se non vai in Piazza, non vincerai mai più un campionato. All'improvviso Mourinho si alzò e iniziò a insultarmi. In entrambi i casi, presto sono arrivati ​​due autobus per portarci in Piazza del Duomo.  Qualche istante dopo eravamo in piazza a cantare e festeggiare con i tifosi. Ad un certo punto - ero abbastanza ubriaco - ho afferrato Mourinho per il collo e gli ho detto: “Quindi volevi davvero restare in hotel ?! Guarda questo! Questo è per te!". Ha iniziato a ridere. Quando siamo tornati in albergo, erano le 5 del mattino. Siamo andati subito a letto. E poi abbiamo battuto il Siena 3-0. 

La Champions e il rapporto con Mourinho

"Nel 2008-2009 il mio rapporto con Mourinho era come padre e figlio. E poi è diventato più ... beh, diciamo solo che è diventato più complesso. 

"Nella primavera del 2010 stavamo lottando per lo scudetto, la Coppa Italia e la Champions League. Stavo giocando terribilmente. La mia fiducia era svanita. Un giorno, mentre mi stavo riscaldando prima dell'allenamento, Mourinho si avvicinò e mi disse, con una voce fredda come il ghiaccio: "Senti, sei passato da miglior portiere del mondo a portiere di Serie C". Era il suo modo per incoraggiarmi, sai? E con la maggior parte dei nostri giocatori avrebbe funzionato. Quella squadra ha avuto tanto successo perché Mourinho ci ha trattato in modo diretto e trasparente. Non importa chi fossi, ti criticava di fronte al gruppo. Ma il fatto è che non tutti reagiscono bene a questo tipo di leadership. Ho perso la fiducia. In campo sono diventato ancora più insicuro. 

"Tuttavia, un'altra cosa grandiosa di Mourinho era che se ti sentivi trattato ingiustamente, potevi discuterne con lui. Così quella primavera abbiamo avuto una lunga chiacchierata che ha chiarito tutto. Prima di allora mi ero insicuro e triste. Successivamente sono tornato ai miei livelli.

L'addio all'Inter

""Nel 2012, dopo sette anni e mezzo all'Inter, non avrei mai pensato di giocare per un altro club. Non avrei mai pensato di finire ai Queens Park Rangers. L'intera cosa è stata molto difficile. L'Inter voleva tagliare le spese, hanno cercato di abbassare il mio stipendio, cosa che ritenevo ingiusta, quindi ho voluto andarmene. Era tutto molto triste. Avevo solo un'offerta sul tavolo: QPR. Come sempre, i soldi erano importanti, ma credevo anche nel progetto. La Premier League mi entusiasmava e Londra è una grande città. Eppure niente è andato come previsto. Anche se il club ha investito molto, la mentalità vincente non c'era e siamo retrocessi".

"(theplayerstribune.com)

"

tutte le notizie di

Potresti esserti perso