PAGELLE: Brozovic, tu quoque! Perisic proprio non c’è, Joao Mario sì. Icardi serpentesco

Le pagelle di Daniele Mari, direttore di Fcinter1908, su Roma-Inter

di Daniele Mari, @marifcinter

HANDANOVIC 6: Si produce in una serie di buoni interventi fino alla fucilata di Cengiz Under. Il tiro è fortissimo ma non così angolato: era davvero imparabile?

D’AMBROSIO 7: La fascia destra stavolta lo vede grande protagonista. Oltre all’assist per Keita, almeno altre due palle gol nitide servite ai compagni. Serata di grazia

SKRINIAR 6: Meno imperioso di altre volte, meno dominatore. Anzi, la fisicità della Roma lo costringe spesso a interventi extra di cui di solito non ha bisogno

DE VRIJ 6,5: Sul palo di Florenzi si fa uccellare da Schick, poi entra in partita e infatti dalla partita esce l’ex Sampdoria

ASAMOAH 6: “Lo prendi tu? Lo prendo io?”. Non si sa chi deve andare a chiudere su Under, nel dubbio il turco fulmina Handanovic. Per il resto, partita diligente

BROZOVIC 5: Brozovic, tu quoque. Proprio tu Marcelo ci rimandi alla follia di un vecchio Sampdoria-Inter. Allarga il braccio inutilmente e regala un rigore sanguinoso ad una Roma colpita a morte da Icardi. Lui la resuscita

JOAO MARIO 6,5: Molto presente dentro la partita, il portoghese è pienamente recuperato alla causa. Anzi, oggi è sembrato uno dei più in palla, tanto è vero che Spalletti non si sogna neanche di levarlo

BORJA VALERO 6: Qualche buona intuizione ma non lascia il segno come a Wembley. La manovra non passa da lui e le chance di essere veramente incisivo diminuiscono

KEITA 6,5: La zampata del vantaggio conferma la confidenza ritrovata con il gol. Poi alterna giocate estremamente positive ad alcune pause prolungate. Ma è in evidente crescita

ICARDI 6,5: Sbaglia un paio di occasioni non da lui. E giù tutti a lamentarsi di un Icardi poco presente e poco in serata. Mai, mai darlo per morto. Si aggira come un cobra in area, si smarca e punisce sul cross di Brozovic. Serpentesco

PERISIC 5: Perde malamente anche molti duelli in velocità e questo la dice lunga sul suo stato di forma. Alla fine Spalletti si arrende e lo toglie: lontano parente del vero Perisic

POLITANO 6: Entra in piena bagarre e decide di unirsi alla festa con qualche vampata sulla destra

LAUTARO, VECINO SV

SPALLETTI 6: La squadra spreca il doppio vantaggio e questo non deve accadere, soprattuto nei big match. Ma gioca per vincere, e questa è la nota positiva. E’ un fan sfegatato di Perisic ma il croato sembra fuori condizione: non è un delitto lasciarlo fuori. Luci e ombre nella serata dell’Olimpico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy