CorSera – Caos nazionali, Spadafora non cambia idea: l’ultima decisione spetta alle Asl

Il quotidiano ha spiegato la situazione relativa alle decisioni delle Asl di non far partire alcuni calciatori

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

Il grido d’allarme del presidente della FIGC, Gabriele Gravina, non sarà accolto dal Ministro dello Sport. Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, la richiesta del numero uno della Federcalcio di non permettere alle Asl di decidere in maniera autonoma non potrà essere assecondata da Spadafora.

Il Ministro dello Sport gli spiegherà che anche il protocollo del calcio prevede che l’ultima decisione spetti alle Asl, perché solo loro hanno le conoscenze e gli strumenti per valutare quale sia la scelta giusta in base alle differenti situazioni delle squadre. Secondo Spadafora, insomma, non c’è da stupirsi se le indicazioni date alle società sono diverse” scrive il quotidiano.

Getty Images

Al momento, sei giocatori della Fiorentina hanno lasciato l’Italia per raggiungere le nazionali nonostante la disposizione dell’Asl di rimanere in isolamento, mentre hanno invece avuto l’autorizzazione a partire i giocatori delle altre società in quarantena – Inter, Lazio, Genoa, Crotone – purché organizzino viaggi ‘protetti’, con voli e mezzi privati. Discorso diverso per Sassuolo e Roma: gli emiliano hanno terminato ieri la bolla, mentre i capitolini hanno rispettato le indicazioni e hanno bloccato Cristante, Mancini, Mkhitaryan e Ibanez.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy