Bellinazzo: “Crescita Inter? Spiragli con Suning, ma senza Champions è dura. Le altre…”

Il giornalista ha analizzato le prospettive finanziarie dei nerazzurri

di Marco Macca, @macca_marco

La “guerra” sportiva in Italia, come negli altri Paesi europei, quando si parla di calcio si sposta spesso dal campo alla scrivania. Difficile, ormai, separare nettamente il discorso dei risultati rispetto a quello del fatturato. E, in quest’ottica, il futuro dell’Inter è ancora da scrivere. Ne ha parlato Marco Bellinazzo per la sua rubrica “Goal Economy” su goal.com, descrivendo la situazione delle squadre impegnate nell’inseguimento perenne alla Juventus:

In primis delle milanesi avvitatesi nella crisi post-mecenatismo, dopo gli addii di Massimo Moratti e Silvio Berlusconi, e ancora alla ricerca di un giusto equilibrio fra risanamento e sviluppo con le nuove proprietà asiatiche. Le milanesi si sono avvitate nella crisi post-mecenatismo, dopo gli addii di Massimo Moratti e Silvio Berlusconi, e sono ancora alla ricerca di un giusto equilibrio fra risanamento e sviluppo con le nuove proprietà asiatiche Qualche spiraglio c’è nell’Inter di Suning che ha alzato di parecchio le entrate avvicinandosi ai 300 milioni, ma senza l’accesso alla massima competizione continentale tutto si fa più duro. La Roma americana solo in quest’ultimo periodo d’altro canto ha associato un razionale percorso di accrescimento aziendale al tentativo di imporsi sul campo, mentre il Napoli di De Laurentiis ha badato più a mantenere i conti in ordine per l’immediato che a investire, magari indebitandosi, sul futuro: con il risultato che entrambe le principali rivali sportive dei bianconeri vantano fatturati strutturali (tra diritti tv nazionali, botteghino e area commerciale) sotto i 150 milioni di euro”.

(Fonte: goal.com)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy