FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

La Bosnia di Dzeko nel caos: scoppia il caso Pjanic. Lui si difende: “Fake news”

Nel mirino della stampa bosniaca e dei tifosi la scarsa forma del giocatore del Besiktas che ha saltato la sfida con l'Ucraina

Eva A. Provenzano

La Nazionale di Dzeko è nel caos. Come se non bastasse l'eliminazione dai Mondiali dopo la sconfitta con la Finlandia, un caso Pjanic rende più complicato il momento della Bosnia.

Sconfitta anche nell'ultima gara contro l'Ucraina per due a zero, ha chiuso il girone al quarto posto dopo aver fatto registrare una vittoria, quattro pari e tre sconfitte. Nell'ultima gara il calciatore del Besiktas non ha giocato. Ed erano spuntate voci su una sua sospensione dalla Nazionale dopo che si erano diffuse indiscrezioni sulla sera prima della gara con la Finlandia. Secondo queste voci il calciatore era stato sorpreso in un bar a bere e a fumare. In una nota, poi eliminata, la federazione aveva scritto: "Non dobbiamo dimenticare il fatto che Pjanić ha fornito grandi partite con la maglia della nazionale. La sua azione, per quanto inopportuna, va comunque intesa come conseguenza di un insufficiente recupero psicologico dopo tutto quello che gli è successo nell'ultimo anno di carriera".

Il comunicato ha tratto tutti in inganno, le foto erano vecchie e Miralem ha dovuto difendersi spiegando che il suo mancato impiego nell'ultima gara è stato deciso di comune accordo con il suo ct. Ha definito 'fake news' le notizie circolate. Resta sotto accusa lo stato di forma del giocatore che con il club turco ha giocato solo otto partite e con la Finlandia era rimasto in campo 66 minuti, non aveva brillato e aveva incassato i fischi dei tifosi.

(Fonte: sportske.jutarnji.hr)

tutte le notizie di