Caso Farina, in Italia non c’è posto: l’Aston Villa lo assume

Caso Farina, in Italia non c’è posto: l’Aston Villa lo assume

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Ha denunciato un tentativo di combine quando giocava nel Gubbio e in Italia non ha più trovato lavoro. Simone Farina è diventato un caso. E adesso è pronto a ricominciare. Non dal suo Paese però che non saputo fargli posto: ripartirà dall’Inghilterra e dall’Aston Villa che gli ha fatto un contratto con il ruolo di community coach: insegnerà i valori del calcio, quelli veri, ai ragazzini con corsi motivazionali che il club inglese organizzerà nella sua comunità. 

“Ho fatto la scelta giusta allora, non c’è posto per gli imbrogli né nel calcio né nella vita”, ha commentato l’ex difensore. L’Interpol si è complimentato con la squadra che lo ha ingaggiato per aver preso ‘l’uomo che ha saputo dire no’. Anche Blatter, presidente Fifa, gli ha mandato un messaggio ufficiale: “Sono molto orgoglioso di lui. C’è bisogno che il calcio sia pulito, trasparente ed onesto: è il suo credo, è anche il nostro”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy