Cassano: “Spalletti genio. Tifo Inter, con la Roma vincerà. Sulla Juve avevo ragione…”

Cassano: “Spalletti genio. Tifo Inter, con la Roma vincerà. Sulla Juve avevo ragione…”

Il barese è sicuro: “Rimarrò comunque nel mondo del calcio e potrei fare il direttore sportivo”

di Francesco Parrone, @FrankParr

Dopo la telenovela estiva con l’ Hellas Verona, Antonio Cassano torna a parlare dalle colonne de La Gazzetta dello Sport. L’ex nerazzurro ha fatto il punto sul campionato e sul mercato:

Chi le è stato vicino del mondo del calcio in questo mese? “Ne cito soltanto tre. Allegri, Ausilio e Palmieri. E ho ricevuto una telefonata speciale: quella di Urbano Cairo. Mi ha detto: “Ti stimo come persona e come calciatore”. Se un presidente come Cairo mi chiama solo per dirmi questo significa che in questi anni qualcosa di buono l’ho fatta, sia in campo che fuori”.

Domani c’è la sua partita: Roma-Inter. “Tiferò Inter e credo vincerà. In panchina l’Inter quest’anno ha un genio: Spalletti. Lui può battere la Juventus che è sempre la più forte. In nerazzurro ho giocato solo un anno ma sono rimasto interista dentro. Icardi o Dzeko? Dzeko gioca a calcio e segna, Icardi lavora poco per la squadra. Schick? E’ più forte di Dybala e per le sue caratteristiche gli consiglio di andare all’Inter”.

Chi vincerà il campionato? “Dico Inter davanti a Juventus e Napoli. L’Inter ha fatto un mercato intelligente e non aveva bisogno di Sabatini. Skriniar è un fenomeno, mi bastarono pochi allenamenti alla Samp per capirlo. Lui, Borja Valero e Vecino sono colpi di Ausilio”.

La Juve senza Bonucci è più debole? “Bonucci è diventato forte grazie a Barzagli e Chiellini. Piuttosto è grave la partenza di Dani Alves. Ha detto che lo spogliatoio Juve era triste, evidentemente non mi sbagliavo quando dissi che alla Juve erano dei soldatini”.

Milan e Napoli? “Montella è bravo e il Milan ha speso tanto ma San Siro non è per tutti. Il Napoli gioca sempre con gli stessi 11 e ha un solo modulo: troppo ripetitivo, è anche il suo limite”.

Chi sono i 3 top player della A? “C’è un campione assoluto, Higuain. Poi gli altri. Sul podio metto Insigne e Dzeko”.

E’ d’accordo con certe valutazioni di mercato? “Neymar vale i 220 spesi dal Psg. Se Belotti vale 100 milioni allora Suarez ne vale 500. Pure Dybala ne vale 100? Per me non può giocare nel Real o nel Barcellona”.

Il 2 settembre c’è Spagna-Italia per le qualificazioni Mondiali. “Spero di sbagliare ma sarà durissima”.

Per il futuro l’Italia è ben rappresentata dalla generazione di Bernardeschi e Berardi? “No. Nel 2003 quando arrivai in azzurro gli attaccanti erano: Cassano, Totti,
Del Piero, Vieri e Inzaghi. C’è una bella differenza credo”.

-Schick, 24 ore per dare risposta alla Roma. Inter infastidita con la Samp perché…

 

(Fonte: Filippo Di Chiara, La Gazzetta dello Sport 25/8/17)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy