Cerruti: “Icardi? Non mi stupirei se Marotta si fosse mosso per Piatek. Questo Lautaro…”

Le parole del giornalista de La Gazzetta dello Sport

di Matteo Pifferi, @Pifferii

Intervenuto sulle colonne de La Gazzetta dello Sport, Alberto Cerruti ha analizzato così la situazione legata al rinnovo di Mauro Icardi: “C’erano una volta i contratti annuali che si discutevano alla fine della stagione, con aumenti o bruschi addii, in base ai risultati ottenuti. Per rimanere in casa Inter, ricordiamo l’ansia di Facchetti, che al tramonto della sua splendida carriera raggiunse l’abitazione del presidente Fraizzoli, in via Mellerio, per sapere se poteva indossare ancora la maglia nerazzurra, oppure la rabbia di Boninsegna che apprese in spiaggia di essere stato ceduto alla Juventus, dove non aveva alcuna intenzione di andare, anche se poi, nel 1977, festeggiò Coppa Uefa e scudetto, nel giro di cinque giorni. Indietro, però, non si torna e nel calcio di oggi, non soltanto in Italia, i procuratori, o le procuratrici, cercano di fare gli interessi loro e dei rispettivi «clienti». È il gioco delle parti, in cui le società qualche volta ci guadagnano e qualche volta ci perdono”.

SU ICARDI – “Il discorso su Icardi, invece, è più che mai sospeso, perché le sue qualità realizzative sono al di sopra di ogni dubbio. Ma, anche se nessun giocatore vince da solo, fin qui Icardi non ha firmato nemmeno un «titolo» dell’Inter. Non entriamo nel merito delle cifre del suo stipendio attuale, limitandoci a osservare che il contratto di Icardi scade non alla fine di questa stagione e nemmeno della prossima, ma nel 2021, per cui è difficile capire la fretta con cui si affronta l’argomento relativo al suo rinnovo. Ma se questa è la volontà delle parti, ci auguriamo prima di tutto che non si dia il calcio d’inizio a una nuova telenovela, perché il silenzio invocato da Marotta è la condizione indispensabile per avvicinarsi a un accordo. E poi, o meglio soprattutto, nessuna società, tanto meno la nuova Inter che sta crescendo con grande serietà, deve accettare ricatti dai propri giocatori, o di chi li rappresenta”.

PROBLEMA -“Il problema, quindi, è generale e va al di là del ruolo e della simpatia di Wanda Nara. Ecco perché il presidente Zhang e Marotta, che avrà un ruolo chiave, dovranno essere bravi a trovare un punto di equilibrio tra le richieste economiche e le necessità tecniche. Aumento sì, in sostanza, ma senza esagerare. E se poi non si raggiungesse un accordo, nessuna paura di dire la verità, perché i tifosi capirebbero. A parte il fatto che l’Inter ha già un certo Lautaro Martinez, che prima o poi diventerà titolare, con o senza Spalletti, oggi è più facile trovare un grande goleador che un grande difensore. Piatek, per esempio, sarebbe l’ideale sostituto di Icardi e non ci sorprenderemmo se Marotta si fosse già mosso per battere la concorrenza di Juve e Milan. E se poi rimanesse Icardi, tanto meglio per tutti. Fino alla prossima richiesta di rinnovo, ovviamente”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy