Inter, il racconto di un de Vrij maniacale: “Addirittura studia anche nuove tecniche per…”

Inter, il racconto di un de Vrij maniacale: “Addirittura studia anche nuove tecniche per…”

Il racconto della professionalità di de Vrij

di Marco Macca, @macca_marco

Se c’è una cosa che ha fatto innamorare Antonio Conte di Stefan de Vrij, oltre alle qualità espresse in campo, è senza dubbio la sua professionalità. O meglio, la sua maniacalità anche fuori dal terreno di gioco. Il racconto del centrale delll’Inter lo fa l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport:

Attento a tutto, in realtà: da sempre lavora su ogni aspetto del suo gioco. In passato aveva anche un analista personale (con cui rivedeva le sue azioni) e ha approfondito persino le tecniche di respirazione. Questo perfezionismo corredato da umiltà non solo lo ha avvicinato inevitabilmente a Conte (che ama chi lavora su sé stesso con professionalità), ma gli ha permesso senza mezzi fisici straripanti di poter legittimamente competere per una maglia arancione con compagni più “strutturati naturalmente”, come De Ligt e Van Dijk: «Virgil è forte, lo studio in campo, guardo come risolve le situazioni e quello che imparo lo porto all’Inter»”.

(Fonte: la Gazzetta dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy