Corvino: “Ci sono interessi economici oltre alla salute. Preservata quella, si concluda…”

Le parole del dirigente

di Marco Astori, @MarcoAstori_

Intervenuto ai microfoni di TMW Radio, Pantaleo Corvino, noto dirigente, ha parlato così del futuro del calcio italiano dopo l’emergenza Coronavirus: “Ci possono essere provvedimenti in cui non tutti si sentono salvaguardati, ma la situazione ha portato a questo. Serviva fermare il campionato, giocare a porte chiuse non era una soluzione migliore, perché il calcio è uno spettacolo e quando manca la componente tifosi non è giusto andare avanti. Con tutte le componenti d’accordo, si potrebbe parlare di un campionato oltre il 30 giugno, per salvaguardare gli interessi di tutti e non arrivare davanti ai tribunali questa estate. Si può terminare la stagione, salvaguardando tutti, oltre il 30 giugno. Come sarà il calcio dopo? Si stanno avendo molte situazioni negative. Oggi il calcio sta dimostrando di avere problemi economici, si dipende solo dai diritti tv. Se non si tiene conto di questo, vuol dire che la crisi attuale passerà inosservata. Servirà un altro calcio, inevitabilmente, che crei risorse economiche dal proprio interno e che non dipenda solo dai diritti tv. Servono stadi di proprietà e settori giovanili adeguati”.

Potrebbero cambiare le gerarchie ora e questo non sarebbe giusto:
“Tante cose possono non sembrare giuste, ma serve salvaguardare gli interessi di tutti. Aver cristallizzato tutto e ripartire senza danneggiare nessuno, arrivando anche fino a luglio, credo sia giusto. Ci sono interessi economici, oltre che quello della salute. Una volta salvaguardata la salute, si deve far terminare ciò che è da concludere“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy