FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Djorkaeff: “Inter, per progetto vincente servono 2-3 anni. Conte? Quando è arrivato Lippi…”

Getty Images

Intervistato da SportWeek, l'ex attaccante di Inter e PSG Youri Djorkaeff ha parlato così della compagine nerazzurra

Matteo Pifferi

Intervistato da SportWeek, l'ex attaccante di Inter e PSG Youri Djorkaeffha parlato così della compagine nerazzurra:

"Seguo ancora l'Inter, ma ultimamente non riesco a guardare le partite senza pubblico: dopo 15 minuti cambio canale, il calcio senza tifosi mi annoia. Quanto all'Inter, è importante che cominci a mettere le fondamenta per un progetto vincente, che si costruisce in 2-3 anni. E c'è bisogno che tutti remino nella stessa direzione. Ci vuole tempo, che nessuno nel calcio sembra avere".

CONTE - "All'inizio ne ho criticato la scelta, ma quando sono andato via all'Inter è arrivato Lippi, quindi... Penso però stia facendo un buon lavoro, e questo è l'importante".

IL COMPAGNO CAMPIONE - "Baggio, Zidane o altri? Ronie, non a caso il suo soprannome era il Fenomeno. Era il più forte in un momento in cui, in Italia, giocavano tutti i migliori. Ha cambiato il calcio, era un centravanti che arretrava per prendere palla, ma andava anche sulla fascia a crossare. E poi si divertiva, ha sempre visto il calcio come un gioco. Gli altri sono grandi campioni, il fenomeno è solo lui".

MILANO - "Ci torno spesso perché è una città bellissima, che mi è entrata nel cuore sin da subito. Avevo casa in centro e mi è sempre piaciuto tutto: la gente, il cibo, la sua vitalità. Li sono nati due miei figli, poi c'è San Siro con i suoi tifosi... è la mia città preferita".

STADIO - "Mi dispiacerebbe non vedere più quella 'cattedrale' ma penso sia giusto che Milano abbia uno stadio con tutti i comfort degli impianti più moderni. San Siro ha bisogno di una nuova renaissance: in futuro magari sarà diverso, ma rimarrà uno stadio mitico".

Fonte: Sportweek - Gazzetta.it

tutte le notizie di

Potresti esserti perso